In un mese triplicato in Puglia il dato degli attuali positivi. Uno su dieci è in ospedale

Confronto generale con i dati del primo di settembre. Sono stati 114 i nuovi casi su 4.152 tamponi effettuati, secondo quanto riporta l'ultimo bollettino regionale: sei in provincia di Lecce

LECCE - Con 114 tamponi positivi su 4.152 processati, per un rapporto del 2,7 percento, il numero dei casi attuali di Covid-19 in Puglia passa da 2.516 a 2.697 (+ 3,5 percento).

Nel giro di un mese questo particolare indicatore si è triplicato, come conferma il confronto tra il bollettino epimiologico odierno e quello del primo di settembre. L'andamento regionale, insomma, è più sostenuto di quello nazionale, dove nel giro di 30 giorni si è avuto "solo" un raddoppio del numero dei casi attuali.

Prendendo in considerazione, per lo stesso arco di tempo, il dato dei casi totali (compresi dunque i guariti e i decessi) si è passati in Puglia da 5.479 a 7.900 (+31 percento). Il numero dei casi ospedalizzati è invece oggi di 231 (+2 su ieri, + 44 rispetto al primo settembre): In percentuale si tratta di un notevole miglioramento rispetto all'inizio di settembre quando era ricoverato il 15,1 percento delle persone con infezione. In terapia intensiva ci sono oggi 13 pazienti (+4 su ieri, + 6 rispetto a un mese addietro): lo 0,5 del totale contro lo 0,8 del primo di settembre. Questo vuol dire che "pesano" di più i casi seguiti a domicilio (da 84,9 a 91,2 percento in un mese sul totale degli attualmente positivi), anche in ragione di un maggior tasso di asintomatici (da 61,2 a 71,5 percento sul totale dei casi dall'inizio dell'epidemia).

Rispetto al dato di ieri, mercoledì, si registra un incremento di 22 unità del numero dei guariti (totale 4.697, erano 4.062 un mese addietro). Nel giro di un mese si sono registrati, infine, 39 decessi, di cui 33 di over 70. Il bollettino odierno riporta un decesso, riferito alla provincia di Foggia (over 80).

In provincia di Lecce, intanto, sei sono stati i tamponi risultati positivi (totale 803 dall'inizio dell'epidemia): tre sono di donne residenti e altrettanti di migranti di origine pachistana, che si trovano già in isolamento sin da quando sono arrivati su suolo italiano. Domani, venerdì, il consueto report settimanale di Asl Lecce darà l'esatta fotografia della situazione epidemiologica nel Salento.

Consulta il bollettino regionale del primo di ottobre

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Maxi frode col gasolio agricolo, undici arresti e 64 indagati

  • Militari attendono cassiera a fine turno: addosso parte dell’incasso, sospetti ammanchi per 50mila euro

  • Rapine con autovetture rubate anche durante il lockdown: in tre agli arresti

  • Mauro Romano, chiuse le indagini sull’ex barbiere: sequestro di persona

  • “L’eredità”, il concorrente leccese batte il record di puntate da vincitore

  • Scampato a un agguato con Kalashnikov, accoltella un uomo per motivi di viabilità

Torna su
LeccePrima è in caricamento