Attualità

Tumore al seno: in provincia di Lecce mortalità oltre la media nazionale e pugliese

Alla vigilia del mese della prevenzione, Lilt Lecce ha diffuso e commentato con preoccupazione gli ultimi dati disponibili. Possibili visite gratuite in uno dei 30 ambulatori presenti sul territorio

LECCE - L'incidenza di tumori al seno è "del tutto fuori controllo". A dirlo sono Carmine Cerullo e Giuseppe Serravezza, rispettivamente presidente e direttore scientifico della Lega italiana contro i tumori di Lecce. Il monito arriva alla vigilia del mese dedicato alla prevenzione con la "Campagna Nastro Rosa - Lilt for women". A proposito, per tutto il mese, telefonando al numero 0833512777 (sede provinciale Lilt Lecce, dal lunedì al venerdì, ore 9-13 e 16-19), è possibile prenotare una visita senologica gratuita nei 30 ambulatori presenti sul territorio provinciale. 

I dati Istat a disposizione, aggiornati al 2018, dicono che nelle province di Lecce e di Brindisi la mortalità è in aumento, superiore alla media regionale e a quella nazionale e nulla lascia pensare che, negli anni successivi, il trend sia cambiato, anche a causa dell'emergenza Covid che ha portato al rinvio o all'annullamento di tante visite e di attività di screening. Nel Leccese dai 158 decessi del 2010 si è passati ai 182 del 2018. Il tasso grezzo per 10mila residenti in provincia di Lecce, sempre nel 2018, è pari a 4,39 vittime, dato superiore sia a quello nazionale (4,2), sia a quello pugliese (4,05).

“Sul tumore al seno non possiamo permetterci di abbassare la guardia. I controlli periodici sono fondamentali, ma non sembrano sufficienti a fermare questa epidemia - hanno sottolineato Cerullo e Serravezza -. Da tempo chiediamo che si ponga più attenzione sulla prevenzione primaria, cioè sulle cause di un’esplosione dell’incidenza di cancro al seno che è del tutto fuori controllo. Servono strategie di prevenzione per ridurre, a monte, il rischio di ammalarsi, eliminando i fattori di rischio noti, presenti nei luoghi di vita e di lavoro, così come è fondamentale che ciascuno di noi comprenda che uno stile di vita sano è la prima arma per difendere la nostra salute".

Il cancro al seno è la patologia tumorale più diffusa e temibile per le donne e, per quanto la percentuale di guarigione sia attorno all'80 percento, l'incidenza non accenna a diminuire e, inoltre, si nota una crescita chiara di casi nella popolazione femminile sotto i 40 anni. Si stima che per la fine del 2021 le diagnosi fatte saranno oltre 55mila, un numero molto alto che si spiega con le gravi complicazioni dovute all'emergenza Covid: ospedali praticamente inaccessibili, visite saltate o rinviate.

Nella provincia di Lecce sono attivi 54 "Lilt point in municipio" dove è possibile ricevere informazioni. Inoltre, grazie a un accordo con l'Ordine provinciale dei farmacisti, la Lilt ha lanciato la campagna "Farmacie in rosa": in tutte quelle aderenti sarà distribuito materiale informativo sulla prevenzione, opuscoli sull'autopalpazione, la rivista trimestrale di Lilt. Sarà possibile, ovviamente, prenotare una visita gratuita con gli specialisti. 

Il 30 ottobre saranno, infine, presentati i risultati degli stati generali della prevenzione dei tumori al seno nel Salento, un progetto che ha coinvolto 25 istituti comprensivi, enti, ordini professionali, associazioni di categoria, sindacati e associazioni ambientaliste. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Tumore al seno: in provincia di Lecce mortalità oltre la media nazionale e pugliese

LeccePrima è in caricamento