rotate-mobile
Attualità Porto Cesareo

Tutela delle aree marine protette, nuove sinergie con le capitanerie di porto

Proficuo il confronto svolto tra i presidenti dei parchi marini di Poro Cesareo e Torre Guaceto con la direzione marittima e i comandanti dei compartimenti di Gallipoli e Brindisi. Nuovi piani di sorveglianza in vista della stagione estiva

BARI - Nelle scorse ore il direttore marittimo della Puglia e della Basilicata ionica, il contrammiraglio Vincenzo Leone ha incontrato, presso la sede della capitaneria di porto di Bari, il presidente dell’area marina protetta di Torre Guaceto, Rocco Malatesta ed il direttore dell’area marina protetta di Porto Cesareo, Paolo D’Ambrosio.

All’incontro erano presenti anche i comandanti delle capitanerie di porto di Brindisi, Fabrizio Coke, e di Gallipolli, Pasquale Vitiello. Nel corso dell’incontro, i rappresentanti delle rispettive aree marine protette, hanno ringraziato il direttore marittimo per l’impegno profuso nello svolgimento delle attività di sorveglianza e monitoraggio poste in essere dalla guardia costiera, quale diramazione sul territorio del ministero della Transizione ecologica, a tutela della biodiversità presente negli ambienti marini e nei tratti di costa prospicienti, che presentano un rilevante interesse per le caratteristiche naturali e geomorfologiche.

Il contrammiraglio Leone, nel ribadire la comunione di intenti e lo spirito di collaborazione che unisce le capitanerie di porto alle aree marine protette pugliesi, ha inteso discutere degli approcci operativi, delle criticità e delle esigenze delle autorità di gestione, incentivando un rapporto sinergico tra le autorità marittime e gli enti gestori, al fine di calibrare l’attività di sorveglianza, se necessario rimodulandola, condividendo le buone pratiche sinora poste in essere a tutela degli habitat marini e costieri, specie in vista dell’imminente stagione estiva ormai alle porte.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Tutela delle aree marine protette, nuove sinergie con le capitanerie di porto

LeccePrima è in caricamento