rotate-mobile
Attualità

Tamponi molecolari e rapidi, l'Udicon sollecita controlli urgenti sui costi

L’associazione dei consumatori ha interessato prefettura, Camera di commercio, Asl ed enti affinché vengano realizzate verifiche sull’incremento dei prezzi dei test

LECCE – “Forte rischio di speculazioni sui prezzi dei tamponi”: la denuncia arriva dall’associazione dei consumatori Udicon, che ora lancia l’allarme e sollecita i controlli. “Gli indici epidemiologici di questi giorni rilevano dati elevati del contagio al Covid anche in Puglia e nel Salento (nelle ultime 24 ore si registrano oltre 2000 casi positivi in Puglia), scrivono dall’associazione.

Ma i portavoce segnalano anche come, a quell’incremento, corrisponda anche un aumento del numero dei tamponi, sia antigienici che molecolari. Lo dimostrano le lunghe file di auto e perone nelle postazioni drive e presso le farmacie, oltre 50mila test analizzati in Puglia nelle ultime 24 ore”, proseguono dall’Udicon, denunciando una speculazione sui costi degli accertamenti.

Diverse le segnalazioni giunte, nelle ultime ore, al’Unione di difesa dei consumatori: questi ultimi sono anche giunti a pagare dai 75 a 90 euro per i tamponi, da 15 a 20 per i test rapidi. Inoltre, l’Udicon rileva che la libera vendita di test rapidi, acquistati a caro prezzo, non è controllata in quanto impedisce che eventuali casi positivi siano tracciati, comportando una diffusione abnorme e incontrollata del virus. Oltre all’invito rivolto ai cittadini a segnalare storture, Udicon ha chiesto l’intervento della prefettura, della Camera di commercio, Asl ed enti locali.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Tamponi molecolari e rapidi, l'Udicon sollecita controlli urgenti sui costi

LeccePrima è in caricamento