Un'arma contro il caporalato: nelle campagne di Nardò parte "SuPrEme"

Il progetto, inserito nell’ambito del Piano Triennale di contrasto allo sfruttamento lavorativo in agricoltura, è stato avviato in collaborazione con Asl Lecce: "Un valore aggiunto"

Foto di repertorio: il campo di Boncuri

Nardò – Si chiama Su.Pr.Eme. Italia il progetto avviato già a Foggia e da oggi, 5 agosto, anche a Nardò che mira a contrastare i fenomeni di grave sfruttamento dei braccianti agricoli e quindi il caporalato.

Su.Pre.Me. (Sud protagonista nel superamento delle emergenze) prende piede presso il campo di Boncuri che ospita gli operai agricoli, per lo più migranti, e fa parte di un Piano triennale contro il caporalato avviato in 5 regioni che presentano le maggiori criticità:  Puglia, Calabria, Basilicata, Sicilia e Campania.

Il progetto è stato proposto da Aress Puglia e dalla direzione generale della Asl di Lecce con l’obiettivo di assistere e tutelare la salute dei cittadini di Paesi terzi e dei migranti che vivono in condizioni di grave vulnerabilità.

Nell'agro di Nardò, a partire da oggi, sarà operativo un team composto da un medico, un infermiere, un mediatore culturale, uno psicologo, assistenti sociali e legali e un tecnico della prevenzione. La fase operativa coinvolge anche i volontari della Croce rossa, Cir e Camera a Sud che si sposteranno direttamente sui campi per parlare con i braccianti e individuare i loro bisogni socio-sanitari.

L'obiettivo è quello di prevenire il contagio da Covid-19, attraverso test sierologici rapidi e tamponi. Ma il team sosterrà anche azioni di integrazione e partecipazione alla vita sociale.

“Questo progetto ha un valore aggiunto: alle prestazioni ordinarie della Asl si aggiunge infatti la qualità dell'intervento garantita da professioni che riescono a cogliere ciò che non è espresso, quei bisogni sommersi che, colmati, restituiscono dignità alla persona – ha commentato il direttore del distretto di Nardò, Oronzo Borgia -. Il dialogo e il confronto consentono anche di orientare i migranti tra i servizi offerti dalla Asl, quali le vaccinazioni e la prevenzione sanitaria”.

“Attraverso l'apertura ai bisogni, alla possibilità di colmarli, passa, infatti, il processo di integrazione teso a favorire la tutela dei diritti dei migranti per una società più equa e più sicura. L’auspicio è dunque che, con il contributo della rete degli operatori coinvolti, il Progetto Su.Pr.Eme, possa migliorare le condizioni di vita dei cittadini migranti e favorire la loro integrazione nel tessuto sociale della nostra realtà territoriale”, ha concluso Borgia.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il partenariato del progetto è guidato dal Ministero del lavoro, direzione generale immigrazione coadiuvato dalla Regione Puglia insieme alle Regioni Basilicata, Calabria, Campania e Sicilia e l’Ispettorato nazionale del lavoro, l’Organizzazione Internazionale per le migrazioni e Nova consorzio nazionale. Il progetto è finanziato nell’ambito dei fondi Amif - Emergency Funds (AP2019) della Commissione europea e nel Salento è coordinato dalla Asl Lecce.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • L’incredulità a Casarano: "Insospettabile, potrebbe allora accadere a chiunque”

  • Prima svolta, preso il presunto killer di Eleonora e Daniele

  • Nel biglietto insanguinato mappa e annotazioni su come agire

  • Preso presunto assassino: fascette per torturare le vittime e un piano folle per l’omicidio

  • Duplice omicidio: assassino ripreso per dei secondi, ha ucciso con pugnale da sub

  • Duplice omicidio, il 21enne non nega: “Da quanto mi stavate pedinando?”

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
LeccePrima è in caricamento