Un calcio alla xylella: Unione Sportiva Lecce e Arcidiocesi in campo per gli ulivi

Presentata questa mattina la campagna di sensibilizzazione sociale “Forti come gli ulivi” a tutela dell’olio salentino. Magliette, cartoline e promozione dell’iniziativa nella gara con l’Udinese

LECCE - Un calcio alla xylella e all’annata nera dell’olivicoltura autoctona e la promozione di azioni sinergiche per la tutela e il rilancio dell’olio salentino. Si è svolta questa mattina, nel salone dell'Episcopio di piazza Duomo, a Lecce, la conferenza stampa del progetto #forticomegliulivi, la campagna di sensibilizzazione sociale lanciata dall'Unione sportiva Lecce, in collaborazione con l’Arcidiocesi di Lecce, l’Associazione italiana Città dell'Olio e il Centro Studi Visioni da Sud.

L'iniziativa è stata pensata per richiamare l'attenzione sul dramma della xylella fastidiosa, che ha colpito la Puglia ed il Salento in particolare. La situazione di estremo disagio e preoccupazione che da anni ha ridotto il settore agricolo salentino in condizioni critiche ha portato ad un coinvolgimento sociale tradotto da implicazioni di carattere sportivo, religioso, economico e culturale. Diverse le iniziative di sensibilizzazione programmate sul territorio provinciale, regionale e nazionale illustrate l'arcivescovo Michele Seccia, dal direttore generale del Lecce, Giuseppe Mercadante, dal sindaco di Caprarica e vicepresidente nazionale dell'associazione Città dell'Olio, Paolo Greco e dal presidente del Centro Studi Visioni da Sud, Alfredo Foresta. Presente anche il vicesindaco del Comune di Lecce, Alessandro Delli Noci e i sindaci delle città dell'olio.

Con lo slogan: “Il Lecce scende in campo per il futuro” si intende rappresentare l'unità di intenti in ambito sportivo e calcistico, necessaria per creare un coinvolgimento sociale e una partecipazione emotiva attorno ad una piaga di carattere economico, ma anche naturalistico e paesaggistico. La società giallorossa è impegnata con una serie di iniziative volte alla sensibilizzazione del problema.

Il tecnico Fabio Liverani ed alcuni calciatori sono i protagonisti di alcune cartoline realizzate a sostegno dell'iniziativa (tra queste quella che ritrae Mancosu, Falco e Petriccione abbracciati all’ombra di un ulivo)  ed in occasione della prossima gara casalinga con l'Udinese, in programma il 6 gennaio, prima del fischio di inizio, sarà esposto al centro del campo lo striscione del progetto e verranno attuate una serie di azioni a sostegno e i calciatori indosseranno anche una maglia con i simboli del territorio salentino da tutelare. Proprio in tema di magliette e divise ufficiali il direttore generale del Lecce, Giuseppe Mercadante è attratto dall’idea di realizzarne una che possa rispecchiare la bellezza e la rappresentatività degli ulivi, mentre l’arcivescovo monsignor Michele Seccia ha espresso il desiderio di partecipare ad una gara casalinga del Lecce indossando la maglietta promozionale dell’iniziativa #forticomegliulivi.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Fanno sesso, poi diffonde i video e affigge immagini: revenge porn, incastrato

  • “L’eredità”, il concorrente leccese batte il record di puntate da vincitore

  • Mauro Romano, chiuse le indagini sull’ex barbiere: sequestro di persona

  • Rapine con autovetture rubate anche durante il lockdown: in tre agli arresti

  • Scampato a un agguato con Kalashnikov, accoltella un uomo per motivi di viabilità

  • Debito di droga si trasforma in incubo: lo minacciano davanti al nipote, tre in manette

Torna su
LeccePrima è in caricamento