Antigravity Pilates: allenarsi in assenza di gravità

L’antigravity pilates è un nuovo fit-trend divertente e alternativo. Scopri come allenarti in sospensione per tonificare corpo e mente

Antigravity Pilates: il fitness senza gravità
 

L’antigravity pilates sta diventando una delle varianti più di tendenza del pilates: questa disciplina infatti unisce attività fisica a movimenti sospesi in aria, per un mix di fitness e divertimento che ti aiuterà a restare in forma. Grazie a questa guida scoprirai i principi e i benefici che apporta la pratica di questa disciplina, adatta anche a chi è alle prime armi!

Che cos’è

L’antigravity, che unisce agli esercizi del pilates quelli dello yoga e del fitness sfruttando l’assenza di gravità, è un allenamento completo, perché coinvolge tutti muscoli, e adatto a tutti: è definito come allenamento “biologico” o “naturale” perché l’unico peso che utilizzerai sarà quello del tuo corpo.
La particolarità di questa variante, infatti, consiste nell’utilizzo di altalene di stoffa sulle quali vengono eseguiti i classici esercizi di pilates: sfruttando il sostegno di questi supporti, a giovarne di più è soprattutto la colonna vertebrale e le articolazioni. Per questi motivi l’antigravity pilates è la disciplina perfetta per chi svolge lavori sedentari o passa molte ore seduto, per chi ha qualche chilo di troppo e per chi ha bisogno di migliorare la postura o allungare la schiena.
Infatti, le altalene di stoffa o amache usate per praticare questa variante del pilates ti permetteranno di praticare tutti gli esercizi, anche i più complessi, senza il rischio di farti male o di sforzare la schiena.

I benefici

Praticando il pilates antigravity potrai:

  • migliorare il tono, allungare e rinforzare la muscolatura senza sovraccaricare le strutture ossee e i legamenti grazie all’assenza di gravità;
  • ottenere maggior equilibrio, agilità e flessibilità;
  • migliorare il funzionamento del sistema circolatorio e linfatico;
  • migliorare la postura e il controllo del tuo corpo;
  • prevenire lo stress e migliorare il tuo benessere.

Come si pratica 

Il pilates antigravity si pratica con una sorta di corda di tessuto, simile ad un’amaca, sospesa al soffitto e sollevata di circa 15 cm dal pavimento. All’interno di questa amaca vengono poi eseguiti gli esercizi propri del metodo pilates.
Una lezione di pilates antigravity si svolge in tre fasi: si inizia con la fase di riscaldamento, dove si prepara il corpo a svolgere il lavoro, segue la fase centrale, dove ci si concentra sul rinforzo muscolare, sull’equilibrio, l’allungamento muscolare, e sulla decompressione del rachide. Infine nell’ultima fase, denominata cooldown, ci si dondola  sull’amaca, con luci soffuse, musica soft e candele, per un rilassamento totale assicurato.

Per chi è indicato 

Il pilates antigravity è indicato per tutti coloro che reputano noiosa la palestra, essendo una disciplina divertente e mai ripetitiva. È perfetto per chi desidera eseguire un allenamento completo o vuole provare un tipo di fitness piacevole e innovativo.
Può essere praticato da chiunque, a patto che non abbia problematiche mediche invalidanti di qualunque genere. È l’ideale, inoltre, per chi non può sollevare pesi o affaticare articolazioni e tendini, o per chi ha problemi di schiena.

Alcuni centri fitness dove praticare Antigravity Pilates a Lecce:

L'arte del movimento, Via Duca D'Aosta, 21 Lecce, Info:  347 827 5440

Sale Nero Pilates , Via G. Oberdan, 96, Lecce Info: 333 102 2545

Pilates Lecce Studio Professionale, Viale Ugo Foscolo, 51, Lecce Info:320 218 8332

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Colto da malore al volante, fa a tempo ad accostare ma poi muore

  • Si recide l'arteria radiale del polso potando i suoi ulivi: 67enne muore dissanguato

  • Agenzia funebre nel mirino: data alle fiamme da ignoti, del tutto distrutta

  • Rimandata a casa con un antidolorifico per l’emicrania, ma aveva un ictus: indagato il medico

  • Mafia, droga e spari all’ombra delle “Vele”, chieste condanne per due secoli e mezzo

  • Carabiniere ubriaco in contromano, causa incidente con una vittima: “Mi sentivo sobrio”

Torna su
LeccePrima è in caricamento