“Gloria al cibo”

“Gloria al cibo”

Non fare il fico!

I fichi sono tra i primissimi frutti che l’uomo abbia consumato e vantano il maggior numero di citazioni nella letteratura sacra di diverse religioni: consumati freschi o essiccati, sono una delle delizie del mondo vegetale, ricchi di preziosi principi nutritivi

I fichi sono tra i primissimi frutti che l’uomo abbia consumato e vantano il maggior numero di citazioni nella letteratura sacra di diverse religioni: consumati freschi o essiccati, sono una delle delizie del mondo vegetale, ricchi di preziosi principi nutritivi.

Il fico è un falso frutto, ovvero un’infruttescenza carnosa che racchiude all’interno micro fiori unisessuali. Esistono centinaia di varietà, per semplificare dividiamo quelli edibili in due macro - famiglie: fichi fioroni, formati da gemme dell’autunno precedente che maturano a fine primavera o a inizio estate, e i fichi forniti, o pedagnoli, dolci e succosi, formati da gemme primaverili che maturano alla fine dell’estate ma nello stesso anno.

I fichi a tavola

I fichi freschi devono essere morbidi e con picciolo sodo, privi di ammaccature e con un odore dolce e fragrante, senza note acide che sono sempre indice di fermentazione e quindi di un frutto ormai rovinato. Il contenuto di antiossidanti del fico aumenta man mano che il frutto matura, quindi è bene scegliere frutti che siano ben avanti nel processo.

Prima di essere mangiati i fichi freschi andrebbero lavati in acqua fredda e asciugati con cura. La buccia è commestibile e volendo può essere consumata con il frutto, a seconda dei gusti personali.

Il fico fresco è ottimo se consumato al naturale, ma è anche un prezioso ingrediente con prosciutto, formaggi e salumi.

I fichi freschi contengono ficina, un enzima che scinde le proteine, simile a papaina e bromelina.  Raggiungono massima attività intorno ai 60°C, motivo per cui questi frutti possono essere utilizzati per rendere più tenera la carne in cotture a bassa temperatura. La ficina è inattivata a temperature più elevate quindi l’effetto viene perduto.

Calorie e valori nutrizionali dei fichi

Notoriamente dolci, i fichi contengono in realtà 47 kcal per 100 gr, una quantità inferiore rispetto a quella di uva e mandarini (che contengono più di 70 kcal per 100 gr). Oltre che di potassio, ferro e calcio, i fichi sono anche ricchi di vitamina B6: tre fichi ne contengono 0,18mg, pari al 9% del fabbisogno giornaliero; sono anche ricchi di vitamine del gruppo A, B1, B2, PP, C.

I fichi sono frutti molti gustosi, apprezzati soprattutto per la loro delicata dolcezza. Quando, infatti, giungono a loro completa maturazione contengono un buon quantitativo di zuccheri semplici; proprio questo elevato contenuto di zuccheri, rende il fico un frutto non adatto ad essere consumato in grandi quantità in caso di diete dimagranti o di diabete: in questo ci vuole moderazione!

La bontà dei ficchi secchi… altro che non vali un fico secco!

Il fico secco risulta essere ancora più difficile da gestire per il suo maggiore indice glicemico. Le calorie dei fichi freschi, come già detto, sono minori. 100 gr di fichi secchi contengono, infatti, 282 kcal e 58 g di zuccheri (glucosio e fruttosio). Per questo motivo il loro consumo deve essere limitato. Al tempo stesso i fichi secchi sono molto più ricchi di tutti i micronutrienti sopra citati: dal potassio, al ferro, al calcio. I fichi secchi contengono un maggiore quantitativo di proteine e grassi, compresa una discreta quantità di acidi grassi polinsaturi del gruppo omega 6.

In questo caso, vi consiglio di porre attenzione alla scelta del prodotto: molti fichi secchi vengono addizionati con ulteriori conservanti o zuccheri, che possono modificare le proprietà del prodotto!

Proprietà e benefici dei fichi:

  1. Ricchi di fibre

I fichi sono ricchissimi di fibre, ecco perché sono consigliati a chi soffre di stitichezza o ha problemi intestinali. Sono considerati infatti dei lassativi naturali e al pari di kiwi e prugne sono molto efficaci, soprattutto a stomaco vuoto.

  1. Ottimi per le ossa

I fichi sono ricchi di calcio e altri minerali, per questo, un loro regolare consumo, associato ad una sana alimentazione e a della costante attività fisica, assicurano una buona salute delle ossa.

  1. Fonte di energia subito disponibile

Proprio perché ricchi in zuccheri, vitamine e sali minerali, i fichi possono essere considerati una buona fonte di energia, naturale al 100%; è preferibile gustarli quando si ha bisogno di un po’ di sprint in più evitando di consumare dolci e altri snack.

  1. Proprietà antinfiammatorie

Tra i componenti principali del fico spicca un flavonoide, la luteolina, una sostanza che possiede un ruolo molto benefico per la nostra salute grazie alle sue proprietà antinfiammatorie; in particolare ha un effetto neuroprotettivo e antitumorale.

Scrivi a: cartelligloria@yahoo.it e visita il mio blog: https://www.gloriacartelli.blog/

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Fanno sesso, poi diffonde i video e affigge immagini: revenge porn, incastrato

  • Mauro Romano, chiuse le indagini sull’ex barbiere: sequestro di persona

  • “L’eredità”, il concorrente leccese batte il record di puntate da vincitore

  • Rapine con autovetture rubate anche durante il lockdown: in tre agli arresti

  • Scampato a un agguato con Kalashnikov, accoltella un uomo per motivi di viabilità

  • Debito di droga si trasforma in incubo: lo minacciano davanti al nipote, tre in manette

Torna su
LeccePrima è in caricamento