Mercoledì, 22 Settembre 2021
“Gloria al cibo”

Opinioni

“Gloria al cibo”

A cura di Gloria Cartelli

Mi chiamo Gloria, ho 34 anni e vivo a Lecce. Sono biologa nutrizionista, laureata in biotecnologie industriali presso l’Università degli studi di Pavia nell’aprile 2012. Studiando le biotecnologie agroalimentari mi sono appassionata di nutrizione e così ho proseguito i miei studi a Milano per frequentare un master in Nutrizione umana. Nel 2013 sono rientrata nella mia città d’origine, Lecce, in cui svolgo tutt’ora la libera professione in uno studio medico associato. Elaboro terapie alimentari personalizzate e i miei pazienti includono bambini di età scolastica ad adulti e sportivi. Aiuto e coinvolgo i miei pazienti a recuperare il naturale peso forma e al mantenimento del proprio stato di benessere attraverso una sana educazione alimentare. Il raggiungimento degli obiettivi si realizza attraverso un’attenta analisi dei bisogni nutritivi ed energetici del paziente che viene seguito, incontrato periodicamente nel mio studio e supportato emotivamente per il raggiungimento dei propri risultati. L’obiettivo è fornire una consulenza nutrizionale su misura, dettata in base alle caratteristiche specifiche del paziente quali l’età, le abitudini di vita e che sia personalizzata nel tempo

“Gloria al cibo”

Prugne o susine? Non sono la stessa cosa

Spesso usiamo i termini “prugna” e “susina” come sinonimi, ma in realtà si tratta di due specie diverse. Ricca di proprietà benefiche, la susina matura in estate e il suo consumo si protrae fino a settembre

Sono molti quelli che si chiedono quale sia la differenza tra questi due frutti; normalmente si parla di susine quando si fa riferimento ai frutti freschi e di prugne quando si fa riferimento a quelli essiccati. I susini sono frutti generalmente ovali, di colore giallo o viola, con la polpa che si stacca bene dal nocciolo e sono adatti sia al consumo fresco che all’essiccazione. Le prugne, invece, sono frutti dalla forma tondeggiante di colore giallo, verde, rosso venoso, viola o nero con polpa che non si stacca dal nocciolo, morbida e succosa e sono adatti solo al consumo fresco.

Una caratteristica che hanno in comune i due frutti è la presenza sulla buccia di una sostanza cerosa detta pruina; questa si trova sulla superficie dei frutti, serve a proteggerli dai raggi ultravioletti e limita la loro disidratazione. La pruina forma un sottile velo biancastro che al tocco sparisce lasciando luccicare la superfice del frutto.

Benefici per la salute

  • Ricca di vitamina A e fibre

La vitamina A ha un forte potere antiossidante ed è perciò utile per limitare i danni causati dai radicali liberi; inoltre, tale vitamina, è utile in caso di stanchezza fisica o mentale.

  • Ricca di potassio

È un minerale fondamentale per la nostra salute, il cui reintegro è necessario nei mesi più caldi perché si tende a perdere con la sudorazione.

  • Ideali per la salute dell’intestino

Le prugne e le susine sono conosciute per i loro benefici, in particolare per la loro azione lassativa utile a contrastare la stipsi. Ciò è dovuto all’elevata presenza di acqua e fibre che contengono.

  • Hanno un buon apporto calorico

 Contengono discrete quantità di fruttosio tanto che sono considerate un alimento ad alto potere energizzante, ideale nelle diete degli sportivi come spuntino post-allenamento.

  • Proprietà antiossianti

Contengono alte percentuali di polifenoli e flavonoidi, potenti antiossidanti che contrastano gli effetti dell’invecchiamento cellulare. Ad essere ricca di antiossidanti è soprattutto la polpa.

  • Proprietà per le ossa

Sono un ottimo alleato per le ossa in quanto prevengono i danni causati dall’osteoporosi (per questo sono particolarmente indicate durante la menopausa).

Volete contattare Gloria Cartelli?

Scrivete a: cartelligloria@yahoo.it e visita il mio blog: www.gloriacartelli.blog

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Prugne o susine? Non sono la stessa cosa

LeccePrima è in caricamento