menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Il burro di arachidi fa bene o fa male?

Le arachidi (o noccioline americane) sono un alimento molto proteico il cui consumo regolare è associato a un miglior peso corporeo e a una riduzione del rischio di sviluppare malattie cardiovascolari grazie alla ricchezza in fosforo, potassio, vitamina E, folati e fibre. Scopriamone le proprietà

Il burro di arachidi si ottiene dai semi di arachidi sgusciati e lavati, tostati ad alte temperature e macinati fino all’ottenimento di una pasta densa e oleosa. Anche se molti non lo direbbero, nonostante la consistenza croccante, l’elevato contenuto di grassi e la buona presenza di vitamina E, le arachidi non sono tecnicamente frutta a guscio o semi oleosi, ma appartengono alla famiglia delle leguminose (legumi) e sono quindi cugine di alimenti come fagioli, lenticchie, ceci e soia. 

Le arachidi, al naturale, hanno numerose proprietà, ma non sempre il burro di arachidi ne mantiene i valori nutrizionali.

I benefici di un consumo moderato di arachidi al naturale sono:

  • Energizzante: il suo valore energetico è molto alto, permette di integrare l’alimentazione con calorie e proteine molto utili.
  • Antiossidante: le arachidi contengono folati e grassi buoni, in grado di contrastare l’invecchiamento cellulare.
  • Integratore proteinico per chi segue un regime alimentare vegano e vegetariano, poiché possono essere assimilabili ai legumi.
  • Equilibra la concentrazione di colesterolo buono e cattivo nel sangue.

Il burro di arachidi ha diverse proprietà utili alla salute. Anche se non tutti ne sono a conoscenza, è un alimento sano, ricco di sostanze nutritive. Questa pasta abbonda di proteine vegetali, ha un buon contenuto di grassi, fibre e di acido linoleico. Proprio grazie a queste sue proprietà è un alimento ideale per vegetariani e vegani come sostituto della carne.

Calorie e valori nutrizionali

Le arachidi forniscono 567 calorie ogni 100 grammi di parte edibile, e come tutte le leguminose, sono buone fonti di proteine vegetali, fibre, vitamine del gruppo B e potassio, inoltre la presenza dei grassi (principalmente monoinsaturi) contribuisce a limitarne l’indice glicemico.

Proprietà nutrizionali e benefici per la salute

Le arachidi presentano proprietà nutrizionali a metà strada tra i legumi e la frutta a guscio, acquisendo le migliori caratteristiche da entrambe le categorie di alimenti.

  • Favoriscono la perdita di peso: pur essendo ricche di grassi e avendo un’alta densità calorica, le noccioline americane sembrano utili a favorire la perdita di peso, a patto che non si ecceda nelle quantità in quanto grazie al quantitativo di proteine, fibre e grassi buoni che presentano, determinano un effetto saziante prolungato nel tempo.
  • Salute cardiaca: grazie al pool di elementi che contengono, come il potassio, il magnesio, la vitamina B3, il rame, l’acido oleico e le varie molecole ad azione antiossidante , tra cui anche il resveratrolo, l’assunzione regolare e controllata di arachidi favorirebbe la riduzione del colesterolo cattivo (LDL) e dei trigliceridi mentre aumenterebbe i livelli di colesterolo buono (HDL), prevenendo in questo modo le patologie cardiovascolari come l’infarto che è una delle principali cause di morte al mondo.

Burro di arachidi fatto in casa

E’ possibile produrre il burro di arachidi in casa, utilizzando un frullatore con un contenitore in vetro, e con le arachidi intere. Si sbucciano le arachidi e si privano della pellicina e si fanno tostare nel forno a 160-180°C per 10 minuti: la tostatura esalta il sapore, elimina l’umidità e permette alle arachidi di “essudare” meglio la parte oleosa. Dopo la tostatura si fanno raffreddare completamente per circa un’ora. Si inseriscono poi nel frullatore, fino ad ottenere una pasta densa. Una volta frullato si trasferisce il composto in un vasetto di vetro, si chiude e si conserva in frigorifero.

Uso del burro di arachidi

Il burro di arachidi si può usare al posto del burro sia per cuocere, che a crudo. È utilissimo nelle colazioni e negli spuntini ipercalorici e come base per dolci. Se ne sconsiglia l’uso eccessivo perché, comunque, è un alimento molto calorico e quindi grasso e di lenta digestione qualora il sistema digestivo abbia già qualche difficoltà. Sconsigliato a chi ha problemi glicemici.

Volete contattare Gloria Cartelli?

Scrivete a: cartelligloria@yahoo.it e visita il mio blog: www.gloriacartelli.blog

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

LeccePrima è in caricamento