Martedì, 15 Giugno 2021
“Gloria al cibo”

Opinioni

“Gloria al cibo”

A cura di Gloria Cartelli

Mi chiamo Gloria, ho 34 anni e vivo a Lecce. Sono biologa nutrizionista, laureata in biotecnologie industriali presso l’Università degli studi di Pavia nell’aprile 2012. Studiando le biotecnologie agroalimentari mi sono appassionata di nutrizione e così ho proseguito i miei studi a Milano per frequentare un master in Nutrizione umana. Nel 2013 sono rientrata nella mia città d’origine, Lecce, in cui svolgo tutt’ora la libera professione in uno studio medico associato. Elaboro terapie alimentari personalizzate e i miei pazienti includono bambini di età scolastica ad adulti e sportivi. Aiuto e coinvolgo i miei pazienti a recuperare il naturale peso forma e al mantenimento del proprio stato di benessere attraverso una sana educazione alimentare. Il raggiungimento degli obiettivi si realizza attraverso un’attenta analisi dei bisogni nutritivi ed energetici del paziente che viene seguito, incontrato periodicamente nel mio studio e supportato emotivamente per il raggiungimento dei propri risultati. L’obiettivo è fornire una consulenza nutrizionale su misura, dettata in base alle caratteristiche specifiche del paziente quali l’età, le abitudini di vita e che sia personalizzata nel tempo

“Gloria al cibo”

Glutatione: la migliore arma di difesa contro l’invecchiamento

Scopriamo come il nostro organismo ci difende dai danni dei radicali liberi. Il glutatione è, nel gergo chimico, un tripeptide, cioè una sostanza formata da tre amminoacidi (glicina, cisteina e acido glutammico). E’ concentrato nel fegato e lo protegge dall’attacco di sostanza tossiche

Il glutatione è un potente antiossidante prodotto naturalmente dall’organismo; la sua forza sta nel fatto che è presente e agisce direttamente all’interno di ogni cellula, ripulendola dalle tossine. È alla base di tanti integratori in quanto fornisce una lunga lista di benefici, dalla prevenzione del danno ossidativo al miglioramento della salute della pelle e alla protezione del sistema immunitario. Definito anche “madre di tutti gli antiossidanti”, poiché aiuta a massimizzare la funzione di altri antiossidanti, come la vitamina C. La sua importanza è dovuta al fatto che riesce a eliminare dall’organismo i metalli pesanti e le sostanze di scarto, svolgendo un’importante azione disintossicante. Si tratta, infatti, di un composto presente in molti alimenti che, una volta ingerito, si combina con altre sostanze, come le proteine e i minerali, dando vita all’enzima glutatione perossidasi.

Il problema è che con il passare degli anni, e a cominciare dai 40, il fegato ne produce sempre meno. Se poi si mangia male, si fuma, si bevono alcolici e si conduce una vita stressante si può arrivare ad una carenza di glutatione. Alcune persone fanno ricorso a integratori orali in forma di capsule o liquido per ottimizzarne i livelli. Tuttavia, uno dei migliori modi per aumentare i livelli di glutatione è mangiare cibi che aiutino a incrementare la sua produzione nel corpo.

I suoi benefici:

  • Ha una spiccata azione antiossidante: il suo potere antiossidante supera quello della vitamina C.
  • È un potente chelante dai metalli tossici: attira e lega a sé i metalli pesanti come piombo e alluminio. Inoltre limita gli effetti collaterali dovuti ad esposizioni radioattive.
  • Migliora la salute del sistema circolatorio: inibisce l’attacco dei radicali liberi alle molecole di collagene, sostanza che ha il compito di mantenere elastiche non solo la pelle, ma anche le pareti arteriose.
  • Protegge il fegato dall’aggressione di sostanze tossiche come il fumo.

Dove cercarlo a tavola

Curando l’alimentazione puoi aiutare il fegato a produrre le giuste quantità di glutatione.

Bisogna portare in tavola gli alimenti che lo contengono e consumarli in modo regolare, perché è così che riescono a stimolare la produzione di questo composto nell’organismo. Tra gli ortaggi quelli più ricchi sono gli asparagi, ma anche l’avocado, gli spinaci, i pomodori, il cocomero, le carote, i meloni, il pompelmo; tra la frutta secca le noci e le mandorle.   

A parte questo, si dovrebbe praticare uno stile di vita salutare per massimizzare la capacità del corpo di combattere i radicali liberi. Eliminare lo zucchero, cereali e alimenti trasformati dalla dieta è un ottimo modo per ridurre lo stress ossidativo. Assicurarsi di praticare una quantità sufficiente di attività fisica per aumentare la capacità del corpo di produrre glutatione. Gestire lo stress e dormire a sufficienza aiuta anche a inibire gli effetti dannosi dei radicali liberi.

Volete contattare Gloria Cartelli?

Scrivete a: cartelligloria@yahoo.it e visita il mio blog: www.gloriacartelli.blog

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Glutatione: la migliore arma di difesa contro l’invecchiamento

LeccePrima è in caricamento