menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Patate: ortaggio o carboidrato? Imparare a dosarle con cura

Demonizzare le patate? No di certo, ma impariamo a “centellinarne” l’uso, integrandole con verdure crude e cotte di stagione, semi oleosi come noci, mandorle e nocciole, che aiutano a ridurre l’IG dei cibi e magari associamole ad una proteina vegetale

La patata è un tubero commestibile che viene solitamente considerato e consumato come una verdura: patate lesse, patate al forno, patate fritte, purè di patate e altro ancora.

Da un punto di vista nutrizionale verdura proprio non è, e non si può nemmeno contare tra le 5 porzioni di frutta e verdura. Infatti la patata è paragonabile al pane bianco o al riso bianco essendo costituita principalmente da amido (il carboidrato complesso per antonomasia).

Appartiene alla famiglia delle solanacee (Solanum tuberosum), così come melanzane, peperoni e pomodori.

L’alto contenuto di solanina, che è una tossina naturale sviluppato dalla patata contro funghi e parassiti, può rendere la patata poco digeribile e fastidiosa per l’uomo. Tuttavia è sufficiente rispettare delle semplici regole per consumarla senza alcun timore. Innanzitutto mai mangiare una patata cruda; inoltre è meglio evitare le patate germogliate, perché proprio nel germoglio si accumula maggiormente la solanina. Vanno scartate le parti verdi, ma se ci sono solo un paio di piccoli germogli basta eliminarli con un coltello in modo da togliere anche la parte intorno al germoglio. La patata quindi va consumata cotta: i tipi di cottura sono la lessatura, la cottura al vapore, la cottura al forno e infine la frittura. In commercio esistono diversi tipi di patata. Le più conosciute sono: a pasta gialla, a pasta bianca, le novelle, con la buccia rossa e la patata viola.

Dal punto di vista nutrizionale la patata è un alimento molto ricco di carboidrati complessi, simili a quelli dei cereali e dei loro derivati.

Proprietà delle patate

Regine dei tuberi, le patate sono ricche di vitamina C, efficaci nel limitare i danni causati dai radicali liberi, molecole di ossigeno nocive per i tessuti organici. Inoltre la presenza di potassio le rende un ottimo aiuto contro l’ipertensione. Le patate sono alimenti energetici e disinfiammanti dell’apparato digerente; favoriscono la formazione e l’espulsione di feci abbondanti e morbide e sono utili in presenza di emorroidi, in caso di gastriti e di ulcere dello stomaco.

Calorie e valori nutrizionali

Le patate sono costituite per la maggior parte del loro peso da acqua e da amido, che rappresenta circa il 15%. 100 grammi di patate apportano circa 77 calorie e hanno un indice glicemico alto, motivo per cui i soggetti diabetici e coloro che hanno un’alterata tolleranza al glucosio devono consumarle con moderazione e mai insieme a pasta e pane.

Inoltre è bene sapere che l’indice glicemico delle patate varia a seconda del metodo di cottura utilizzato: più vengono cotte, più si innalza il loro indice glicemico.

E’ bene ricordare che le patate non contengono glutine e possono essere consumate anche dai soggetti celiaci.

Benefici per la salute

Il consumo di patate apporta tanti benefici al nostro organismo grazie ai componenti in essa presenti:

  • Ricostituenti e nutrienti: le patate sono ricche di amidi e zuccheri che forniscono energia in breve tempo quindi sono utili per la stanchezza e astenia;
  • Diuretiche e depurative: la presenza di potassio e magnesio e l’elevata quantità di acqua rende le patate capaci di contrastare la ritenzione idrica e anche la formazione dei calcoli renali;
  • Utili per il sistema nervoso: la vitamina B6 presente nella patata aiuta a mantenere il corretto funzionamento del sistema nervoso in quanto facilita la trasmissione degli impulsi nervosi, previene sbalzi d’umore e depressione;
  • Utili per le scottature della pelle: un vecchio rimedio della nonna contro le bruciature prevedeva proprio il posizionamento di una fetta di patata sulle bruciature. L’effetto positivo è dato dal potere lenitivo e decongestionante di questo tubero. 

Volete contattare Gloria Cartelli?

Scrivete a: cartelli-gloria@yahoo.it e visita il mio blog: www.gloriacartelli.blog

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

LeccePrima è in caricamento