menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Salicornia, alias asparago di mare. Cos’è, dove cresce e perché fa bene

E' una pianta grassa erbacea commestibile. La sua principale caratteristica è l’affinità ai terreni salati, da cui appunto prende il nome. Cresce spontaneamente dove la marea crea ristagni d’acqua, ed è molto diffusa sui terreni fangosi o sabbiosi delle saline

La salicornia, meglio conosciuta come “asparago di mare” è una pianta grassa erbacea commestibile. La sua principale caratteristica è l’affinità ai terreni salati, da cui appunto prende il nome. Cresce spontaneamente dove la marea crea ristagni d’acqua, ed è molto diffusa sui terreni fangosi o sabbiosi delle saline. Le piante di salicornia crescono formando i cosiddetti “salicornieti”, vale a dire agglomerati di piccoli cespugli alti al massimo 40 centimetri.

L’asparago di mare si presenta con stili eretti, carnosi e ramificati. La salicornia è una pianta succulenta, cresce spontanea nelle zone mediterranee e la si può trovare soprattutto su suoli aridi lungo i litorali e nei terreni salini poiché fa parte delle piante alofite, che prosperano in presenza di elevate concentrazioni di sale.

Consumo alimentare  

Nonostante sia abbastanza comune, il suo consumo alimentare non è molto diffuso in quanto si trova raramente nei mercati; per gustarla è preferibile raccoglierla durante le passeggiate al mare. La sua raccolta deve avvenire il più possibile lontano da aree inquinate ed è necessario lasciare i fusti in ammollo per almeno un giorno in modo da rimuovere il sale in eccesso. L’asparago di mare è gustoso consumarlo condito con un filo di olio extra vergine di oliva e limone, dopo averlo sbollentato in acqua per qualche minuto rigorosamente non salata.

foto-67-38

Oltre ad essere consumata come contorno, la salicornia può essere utilizzata per preparare gustose frittate o per un mix di insalate. Gli steli della salicornia hanno una consistenza carnosa, un sapore acidulo e leggermente amarognolo. Data la gran quantità di sostanze benefiche, il suo consumo alimentare è consigliato durante i mesi estivi, quando a causa delle alte temperature e dell’eccessiva umidità, si perdono liquidi e sali minerali attraverso la sudorazione.

Anche per coloro che soffrono di ipotiroidismo, il suo consumo è particolarmente indicato grazie all’elevato contenuto di iodio. Si rivela utile anche per regolarizzare il transito intestinale per l’elevato apporto di fibre. E’ invece controindicata per chi soffre di pressione alta o di elevata ritenzione idrica.

Proprietà nutrizionali

La salicornia ha un considerevole apporto energetico, circa 65 kcal/100 grammi. L’energia è costituita principalmente da proteine (oltre 13 g/100 g), pochi carboidrati (circa 3 g/100g), mentre i lipidi sono irrilevanti e trattasi comunque di grassi di ottima qualità, vale a dire i polinsaturi omega - 3. Per quanto riguarda i minerali presenti, i più abbondanti sono: sodio, potassio, magnesio, zolfo, calcio, fosforo, ferro, zinco, manganese, rame e iodio (che è il più importante dal punto di vista nutrizionale). Grazie all’elevato contenuto in fibre e alla totale assenza di colesterolo è indicata nelle diete contro le dislipidemie, ipercolesterolemia e ipertrigliceridemia.

Ecco una ricetta di un primo piatto tipicamente estivo: gli spaghetti con gamberetti e salicornia.

Ingredienti:

  • 300 g di spaghetti
  • 200 g di gamberetti
  • 400 g di salicornia
  • 2 rametti di prezzemolo
  • 50 ml di olio evo
  • sale q.b.

Preparazione:

Per prima cosa sgusciate e pulite i gamberetti, eliminate il filetto intestinale nero e lavateli. Versate in una pentola almeno 3 litri di acqua e portate a bollore. Intanto, lavate e sgrondate il prezzemolo, raccogliete le foglie e tritatele finemente; tenetelo da parte, servirà per completare il piatto.

Tuffate in acqua bollente anche la salicornia, dapprima lavata sotto l’acqua corrente, mescolate e lessate per circa 10 minuti: deve essere tenera ma non troppo cotta. Scolatela, fate raffreddare ed eliminate la parte legnosa. Mentre raffredda, fate cuocere anche la pasta in acqua bollente salata e scolatela al dente. Nel frattempo, in una padella versate l’olio e aggiungete i gamberetti; trasferite nella padella del condimento anche la pasta, completando infine con la salicornia. Mescolate e cospargete il prezzemolo preparato in precedenza

Buon appetito!

Volete contattare Gloria cartelli? Scrivete a Cartelli Gloria@yahoo.it

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

LeccePrima è in caricamento