menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Ecco perché mangiare salmone fa bene

È il pesce più allevato al mondo, le sue proprietà organolettiche e nutrizionali sono eccellenti. Il suo regolare consumo apporta importanti benefici alla salute, perché ricco di acidi grassi che fluidificano il sangue, prevengono l’arteriosclerosi e abbassano i trigliceridi

Il salmone è un pesce osseo che può vivere sia in acqua salata che dolce, infatti lo si può trovare nei mari, nei fiumi e nei laghi. Grazie alle sue ottime proprietà organolettiche ed al suo gusto delicato, è uno dei pesci più allevati al mondo.

Il salmone ha una carne gustosa e morbida con un sapore unico e delicato che sa meno di pesce rispetto ad altri pesci grassi come le sardine e gli sgombri. Le sue proprietà nutrizionali lo rendono uno dei pesci più pregiati al mondo. È una delle migliori fonti di acidi grassi Omega-3.

Il salmone è estremamente versatile e si presta quindi a diversi tipi di cottura. Può essere cotto in padella, al forno, grigliato, affumicato e consumato crudo come sushi e sashimi.

Come sappiamo, il salmone è un pesce che si trova soprattutto nei mari freddi del nord e la vita passata in acque fredde rendono l’alimento molto ricco di acidi grassi polinsaturi, che servono proprio per isolare il corpo dal freddo, cercando di mantenere costante la temperatura corporea.

Il salmone è considerato un pesce grasso in grado di fornire quei grassi “buoni” capaci di ridurre quello che viene definito colesterolo “cattivo” del sangue.

Benefici del salmone

Soprattutto consumato fresco, il salmone offre molti benefici alla salute, elevate proprietà nutrizionali ed un significativo apporto di proteine, vitamine, sali minerali e calorie.

Il salmone è una delle principali fonti di acidi grassi essenziali Omega 3, grassi polinsaturi (quelli buoni, alleati della nostra salute).

Quali sono i benefici degli Omega 3?

  • Abbassano il livello di colesterolo (LDL) complessivo alzando il livello di quello buono (HDL);
  • Contrastano i radicali liberi rallentando l’invecchiamento di cellule e tessuti e mantenendo la pelle sana.
  • Proteggono il sistema cardiovascolare (abbassando i livelli di trigliceridi e impedendo l’accumulo di questi grassi).
  • Prevengono l’insorgere di trombosi, ictus, ipertensione ed ipergliceridemia
  • Hanno proprietà antinfiammatorie, sono in grado di ridurre le infiammazioni causate da varie forma di artrite.

Gli Omega 3 sono più presenti nel salmone fresco piuttosto che in quello affumicato e sono, in particolare, l’EPA (acido eicosapentaenoico) e il DHA (acido docosaesaenoico).

Vitamine presenti nel salmone

Il salmone è un alimento ricco di proteine nobili, sali minerali e vitamine. Questo pesce fornisce al nostro organismo una considerevole quantità di vitamina D, essenziale per la fissazione del calcio e la mineralizzazione delle ossa; di conseguenza combatte la fragilità ossea e l’osteoporosi

Valori nutrizionali e calorie

Esaminando le proprietà nutrizionali del salmone si nota che costituisce un ottimo alimento ricco anche di proteine, oltre che di grassi polinsaturi, di vitamine come la B6 e la B12 e di sali minerali come il fosforo e il selenio; basso è il contenuto di sodio. La quantità di proteine presenti nel salmone ammonta a circa il 20% e per questo il pesce in questione rappresenta un piatto equilibrato che si può consumare soprattutto al posto della carne. La quantità di calorie presenti nel salmone non è eccessiva: sono 185 (con il 12% di lipidi) per 100 grammi di prodotto fresco. Ammontano a 147 calorie invece nel caso di quello affumicato. La riduzione dei grassi è dovuta al metodo utilizzato per l’affumicamento.

Valori nutrizionali del salmone affumicato

Il salmone affumicato conserva le caratteristiche dell’alimento fresco. L’affumicatura si ottiene grazie ai fumi sprigionati dalla combustione di legni aromatici (es. ginepro) ed erbe aromatiche (es. rosmarino e alloro), oppure con legno vergine di faggio o quercia. È importante ricordare che l’affumicatura è un’antichissima tecnica di conservazione degli alimenti, che ampliata e sviluppata da nuove conoscenze, dà modo ai cibi così trattati di rimanere praticamente intatti per un tempo consono al loro consumo, senza aggiungere conservanti.

Ricetta del giorno

Insalata di riso basmati con salmone e verdure alla curcuma

Perfetto da servire come piatto freddo, ma è anche possibile mangiarlo tiepido o caldo.

Un’insalata di riso, arricchita con pezzi di salmone affumicato e una dadolata di verdure, cotte in padella; il riso basmati, invece, viene lessato con la curcuma assumendo in questo modo un colore giallo acceso che sarà molto più buono.

Ingredienti per 2 persone:

  • 250 g riso basmati
  • 2 zucchine
  • 1 melanzana
  • 100 g di salmone affumicato
  • 1 cucchiaino di curcuma in polvere
  • sale q.b.
  • olio evo q.b.

Preparazione:

foto 8_1-2Lessate il riso basmati in acqua bollente salata, in cui avrete sciolto la curcuma in polvere. Quando il riso sarà cotto, scolatelo e fatelo raffreddare in una ciotola. Versate qualche cucchiaio di olio evo in una padella e cuocete la zucchina e la melanzana a dadini; salate e pepate.

Quando le verdure saranno diventate morbide e croccanti, toglietele dalla padella e versatele nella ciotola con il riso alla curcuma. Successivamente tagliate il salmone affumicato a pezzetini ed unitelo agli altri ingredienti. Mescolate l’insalata di riso basmati con salmone e verdure alla curcuma, fino ad amalgamare bene il tutto.

Conservate l’insalata di riso basmati con salmone e verdure alla curcuma in frigorifero per servirla fredda oppure consumatela subito tiepida.

Volete contattare Gloria Cartelli?

Scrivete a: cartelligloria@yahoo.it e visita il mio blog www.gloriacartelli.blog

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

LeccePrima è in caricamento