rotate-mobile
“Gloria al cibo”

Opinioni

“Gloria al cibo”

A cura di Gloria Cartelli

Mi chiamo Gloria, ho 34 anni e vivo a Lecce. Sono biologa nutrizionista, laureata in biotecnologie industriali presso l’Università degli studi di Pavia nell’aprile 2012. Studiando le biotecnologie agroalimentari mi sono appassionata di nutrizione e così ho proseguito i miei studi a Milano per frequentare un master in Nutrizione umana. Nel 2013 sono rientrata nella mia città d’origine, Lecce, in cui svolgo tutt’ora la libera professione in uno studio medico associato. Elaboro terapie alimentari personalizzate e i miei pazienti includono bambini di età scolastica ad adulti e sportivi. Aiuto e coinvolgo i miei pazienti a recuperare il naturale peso forma e al mantenimento del proprio stato di benessere attraverso una sana educazione alimentare. Il raggiungimento degli obiettivi si realizza attraverso un’attenta analisi dei bisogni nutritivi ed energetici del paziente che viene seguito, incontrato periodicamente nel mio studio e supportato emotivamente per il raggiungimento dei propri risultati. L’obiettivo è fornire una consulenza nutrizionale su misura, dettata in base alle caratteristiche specifiche del paziente quali l’età, le abitudini di vita e che sia personalizzata nel tempo

“Gloria al cibo”

Selenio e cibo: quali alimenti ne contengono di più?

Il selenio ostacola la formazione dei radicali liberi, proteggendo le cellule dai danni dell’ossidazione, interviene nel funzionamento del sistema immunitario e nel metabolismo degli ormoni tiroidei. Scopriamo quali alimenti ne sono più ricchi

Il selenio è un oligoelemento esistente in natura la cui presenza nell’organismo umano è fondamentale per il funzionamento di molti processi vitali. La principale fonte di reperimento di selenio per l’uomo è l’alimentazione. Gli alimenti fonte naturale di selenio sono: fegato, pesce, molluschi, crostacei, latte, e derivati, noci, arachidi, frutta, vegetali, funghi, riso e carne. Negli alimenti il selenio può essere presente in tre forme diverse:

  1. Forma organica (selenio-metionina): assorbita più rapidamente e trattenuta più a lungo dei tessuti.
  2. Forma inorganica (selenite): dopo l’assorbimento deve subire alcune trasformazioni prima di poter essere utilizzata dall’organismo.
  3. Selenio-cisteina: si tratta del selenio organico presente come cofattore di enzimi antiossidanti che proteggono le membrane dallo stress ossidativo.

Tuttavia, vi è sempre più una riduzione dell’introito di selenio con la dieta (in quanto gli alimenti ne sono sempre meno ricchi per motivazioni legate alla modalità di coltura dei campi), determinando una carenza di selenio con percentuali di deficit variabile.

La presenza di selenio è vitale in quanto questo elemento possiede funzioni di tipo difensivo e regolatorio nel nostro organismo. E’ un nutriente essenziale per l’eliminazione dei radicali liberi, la difesa delle cellule dal danno ossidativo e la protezione da patologie cardiovascolari e in generale dall’invecchiamento. È inoltre importante per la corretta funzionalità della tiroide e per il metabolismo degli ormoni tiroidei: in particolare per la conversione del T4 (tiroxina) in T3 (triiodotironina). Nel corpo umano la più alta concentrazione di selenio si trova nei muscoli dello scheletro ma può essere rintracciato anche nelle urine e nel sangue.

Integrazione di selenio

Dato che il selenio ha una sua tossicità a dosi eccessive, l’uso di integratori alimentari che lo contengono va effettuato solo su indicazione del medico e per rispondere a specifici problemi di carenza o di aumentato fabbisogno. La quantità assunta attraverso l’alimentazione varia sensibilmente a seconda del cibo che si mangia. In particolare, la sua concentrazione nei vegetali dipende dalla quantità di selenio nel terreno e può variare significativamente a seconda del luogo in cui questi vengono coltivati. Invece negli alimenti di origine animale la sua concentrazione si mantiene stabile grazie a meccanismi omeostatici (che tendono a ristabilire il naturale equilibrio) proprio degli animali e alle formulazioni del mangimi.

Selenio e sana alimentazione

Il fabbisogno nutrizionale giornaliero, così come per altri micronutrienti, in persone sane, può essere soddisfatto dagli alimenti consumati all’interno di una dieta varia ed equilibrata.

In linea generale, un’alimentazione corretta, varia ed equilibrata dovrebbe includere:

  • Diverse varietà di verdure e frutta, cereali integrali, latte e latticini senza grassi o a basso contenuto di grassi. Molti cereali integrali e prodotti caseari, tra cui latte e yogurt, sono buone fonti.
  • Proteine di origine animale e vegetale, inclusi frutti di mare, carni magre e pollame, uova, legumi (fagioli e piselli), noci e semi.    

Volete contattare Gloria Cartelli?

Scrivete a: cartelligloria@yahoo.it e visita il mio blog: www.gloriacartelli.blog

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Selenio e cibo: quali alimenti ne contengono di più?

LeccePrima è in caricamento