Giovedì, 5 Agosto 2021
“Gloria al cibo”

Opinioni

“Gloria al cibo”

A cura di Gloria Cartelli

Mi chiamo Gloria, ho 34 anni e vivo a Lecce. Sono biologa nutrizionista, laureata in biotecnologie industriali presso l’Università degli studi di Pavia nell’aprile 2012. Studiando le biotecnologie agroalimentari mi sono appassionata di nutrizione e così ho proseguito i miei studi a Milano per frequentare un master in Nutrizione umana. Nel 2013 sono rientrata nella mia città d’origine, Lecce, in cui svolgo tutt’ora la libera professione in uno studio medico associato. Elaboro terapie alimentari personalizzate e i miei pazienti includono bambini di età scolastica ad adulti e sportivi. Aiuto e coinvolgo i miei pazienti a recuperare il naturale peso forma e al mantenimento del proprio stato di benessere attraverso una sana educazione alimentare. Il raggiungimento degli obiettivi si realizza attraverso un’attenta analisi dei bisogni nutritivi ed energetici del paziente che viene seguito, incontrato periodicamente nel mio studio e supportato emotivamente per il raggiungimento dei propri risultati. L’obiettivo è fornire una consulenza nutrizionale su misura, dettata in base alle caratteristiche specifiche del paziente quali l’età, le abitudini di vita e che sia personalizzata nel tempo

“Gloria al cibo”

Tè verde in bottiglia: ecco perché bisogna berlo con parsimonia

Ne siete grandi consumatori? È bene conoscere qualche informazione in più su questa bevanda salutare e ricca di antiossidanti, perché non tutte le tipologie sono uguali. Da una parte abbiamo quello preparato in casa tramite infusione, dall’altra troviamo il prodotto venduto in bottiglia e pubblicizzato come rinfrescante e salutare

Il tè verde è una bevanda che si ottiene dall’infusione delle foglie di Camelia Sinensis, una pianta sempreverde che cresce nei climi tropicali e sub-tropicali.

Ciò che distingue i vari tipi di tè (tè nero, verde, bancha, giallo, ecc.) è la lavorazione delle foglie dopo la raccolta: meno sono lavorate, maggiori sono i benefici apportati dalla bevanda. Tra le altre varianti, quello verde è ampiamente conosciuto in virtù delle sue salutari proprietà e per la capacità di ridurre il colesterolo cattivo LDL e di trigliceridi nel sangue. Il tè verde contiene una particolare sostanza, l’epigallocatechina gallato o EGCG (è la principale catechina presente nel tè) che ha proprietà antitumorali e antinfiammatorie. Queste proprietà sono valide per il classico tè in filtro da consumare in una tazza colma d’acqua bollente e lasciato in infusione per 5 minuti almeno.

Effetto antiossidante

Gran parte dei principi attivi vegetali contenuti nelle foglie di tè verde hanno la capacità di contrastare e ridurre l’effetto dei radicali liberi, sostanze che causano l’invecchiamento cellulare. Proprio le catechine consentono di mantenere giovane l’organismo favorendo la rigenerazione cellulare e contrastando il processo di accumulo di sostanze tossiche nei tessuti.

Effetto sul sistema cardiovascolare

Grazie alle saponine contenute al suo interno, il tè verde è di supporto nell’abbassare i livelli di colesterolo cattivo e di trigliceridi, i quali aumentano con l’età e predispongono all’insorgenza di disturbi metabolici. Il tè verde migliora la circolazione, favorendo la sintesi del colesterolo buono.

Durante questo periodo dell’anno, e date le temperature elevate di questi giorni, molto spesso viene bevuto. Leggendo l’etichetta nutrizionale di questa bevanda si ha un lungo elenco di prodotti: acqua, zucchero, estratto di tè verde, correttore di acidità, aromi ed edulcoranti vari. Sapendo che il tè, come il caffè, andrebbe assunto senza aggiungere nulla, è evidente che questa bevanda è piena di sostanze che nulla ha a che vedere con le foglie di tè; infatti in un bicchiere da 200 ml ci sono mediamente 10 grammi di zucchero più altre sostanze atte a migliorare il sapore e mantenere fresca la bevanda. Il consiglio è chiaramente quello si evitare un suo consumo eccessivo e giornaliero; in primo luogo non disseta e al contempo aumenta la glicemia soprattutto a chi soffre di diabete.  Dissetarsi con due bei bicchieri di acqua e poi levarsi lo sfizio di bere il tè verde in bottiglia una volta ogni tanto, certo non fa male.   

Bevanda fresca home-made

Acquistare del tè verde in erboristeria e dello zenzero fresco. Tagliare qualche fettina di zenzero fresco e metterlo nel bollitore con 1 litro di acqua. Far bollire, lasciare stemperare e mettere in infusione le foglie di tè per qualche minuto. Filtrare e gustare con l’aggiunta di qualche cubetto di ghiaccio o lasciar raffreddare per consumarlo a temperatura ambiente.

Volete contattare Gloria Cartelli?

Scrivete a: cartelligloria@yahoo e visita il mio blog: www.gloriacartelli.blog

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Tè verde in bottiglia: ecco perché bisogna berlo con parsimonia

LeccePrima è in caricamento