rotate-mobile
Domenica, 26 Giugno 2022
Utenze

I 5 consigli più efficaci per risparmiare energia elettrica in casa

Alcuni trucchi per limitare la spesa in bolletta, e far fronte ai problemi innescati dal carovita degli ultimi tempi

LECCE - Gli aumenti dei prezzi registrati negli ultimi tempi hanno posto con maggiore intensità il problema del risparmio energetico sulle utenze domestiche. Una questione che ha messo in ginocchio molte famiglie italiane, e che peraltro è ancora in fase di sviluppo. 

Di seguito, dunque, vengono riportati alcuni dei consigli più efficaci - e spesso sottovalutati - per cercare di "limitare i danni in bolletta". Ecco quali sono. 

1. Usare elettrodomestici di ultima generazione

Può sembrare buffo ma il primo trucco, probabilmente il più efficace, è anche quello più costoso. Meglio sostituire gli elettrodomestici datati con altri appena usciti in commercio, che presentano un'efficienza energetica di buon livello. Questi ultimi, infatti, consumano poco per svolgere la propria funzione: per esempio, la differenza tra una lavatrice di qualche hanno fa ed una moderna, in un singolo ciclo di lavaggio, è abissale. Le classi energetiche sono elecante dalla più bassa G alla A. 

2. Calcolare il consumo di ogni presa elettrica

Per farlo è opportuno dotarsi di alcuni specifici misuratori presenti in commercio. Questi sono composti da una spina che va inserita in una presa, ed uno schermo sovrastante che rende noto il dato numerico misurato. Tale meccanismo consente di capire quale elettrodomestico, collegato al punto energetico in questione, consumi di più. Una volta individuato è bene limitarne l'utilizzo è scollegare il collegamento elettrico durante la giornata. 

3. Selezionare le lampadine giuste

La scelta più appropriata è quella delle lampadine a led o fluorescenti, molto più convenienti rispetto a quelle alogene: in alcuni casi, infatti, il risparmio arriva addirittura fino al 90%. Costano molto di più rispetto ai modelli datati, ma in compenso - oltre alla resa energetica - hanno una durata media che varia tra i 15 e i 20 anni. 

4. Attenzionare il frigorifero

Questo elettrodomestico è una delle cause di maggior spreco energetico. Meglio sbrinarlo con regolarità ed aprire il meno possibile gli sportelli; ma non solo: altro consiglio è quello di collocare il frigo ad una distanza dal muro compresa tra gli 8 ed i 12 cm. 

5. La fascia oraria più opportuna

Ovviamente dipende dal contratto di fornitura che è stato stipulato. Una tariffa bioraria, per esempio, consente di pagare di meno l’energia di sera e nei weekend, rivelandosi quindi la scelta ideale per una famiglia con orari scolastici o di ufficio. In questo caso se ci si chiede quando fare la lavatrice per risparmiare corrente, la risposta sarà di sera.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I 5 consigli più efficaci per risparmiare energia elettrica in casa

LeccePrima è in caricamento