Borgo San Nicola: diminuiscono i detenuti, ma ancora in pochi lavorano e seguono corsi

Le osservatrici dell’associazione Antigone tornano nel penitenziario per verificare le condizioni di vita carceraria. Rispetto al 2014 meno persone recluse e segnali di miglioramento della vita carceraria, ma restano alcune criticità strutturali

LECCE – A distanza di quasi un anno dall’ultima visita, gli osservatori dell’associazione Antigone tornare a visitare il carcere di Borgo San Nicola.

Attualmente vi sono 930 detenuti rispetto ai 1130 registrati nel 2014, di cui 73 donne e 152 stranieri. Il penitenziario leccese è stato tra i primi nel Meridione ad applicare la cosiddetta sorveglianza dinamica che consente ad una sezione con reclusi condannati a meno di cinque anni di pena di avere le celle aperte per tutto il giorno e di stazionare in corridoio senza la presenza di agenti di polizia penitenziaria.

Da tempo, sottolinea l’associazione si batte su tutto il territorio nazionale per i diritti e le garanzie nel sistema penale, la direzione di Borgo San Nicola è impegnata in un dialogo con quella parte di società civile interessata al miglioramento delle condizioni della vita carceraria. Ma ci sono delle criticità piuttosto evidenti: una riguarda il numero, ancora troppo basso, di detenuti che lavorano: 250 lo fanno con mansioni di basso profilo per l’amministrazione penitenziaria, sono solo 12 i detenuti che lavorano all’esterno e 9 le persone soggette alla semilibertà.

Un altro problema è quello relativo alla formazione: ci sono ancora delle sezioni escluse dai progetti perché non raggiungono al proprio interno il numero necessario per l’accesso ai corsi.

Gli osservatori di Antigone, nella fattispecie Maria Pia Scarciglia e Ilaria Piccinno, sono autorizzati dal ministero della Giustizia ad entrare nei penitenziari, a fare domande, a raccogliere dati e informazioni. Da più di quindici anni l’osservatorio detenzione, che pubblica on line i propri report, racconta all’esterno la realtà della vita carceraria.

Uno dei temi principali è naturalmente il sovraffollamento che determina condizioni di vita molto difficili. Nel gennaio del 2013, con una sentenza pilota, la Corte europea di Strasburgo ha condannato l’Italia per violazione dell’articolo 3 (trattamenti inumani e degradanti) della Convenzione europea dei diritti dell’uomo nel caso denominato Torreggiani, dal nome di uno dei ricorrenti detenuti a Piacenza e Busto Arsizio (per ciascuno un risarcimento di 100mila euro).

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Ma già nel 2011 il Tribunale di sorveglianza di Lecce aveva condannato l’amministrazione penitenziaria a risarcire un detenuto tunisino (con 220 euro) ritenendo che la violazione dell’articolo 3 comportasse un obbligo risarcitorio.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ragazza di 22 anni trovata morta in appartamento: è mistero

  • "La moneta da 1 euro non c'è più nel carrello". E lui chiama la polizia

  • Infezione da Covid-19: sono 56 i casi positivi nel Salento, 6 a Lecce

  • Nessuno stupro a Gallipoli: falso allarme, i due appartati prima del collasso

  • Cade dagli scogli in un punto impervio, ferito recuperato con l'elicottero

  • Covid, quattro casi e un decesso nel Leccese. Movida: controlli straordinari

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
LeccePrima è in caricamento