Botte alla moglie anche quando era in dolce attesa: condannato a un anno

Un 53enne di Ruffano rischiava tre anni e tre mesi di reclusione per diversi episodi di violenza nei riguardi della consorte. Ma nella sentenza ha retto un solo caso di lesioni

RUFFANO - Non l’avrebbe risparmiata dalla violenza neppure quando, in attesa del loro secondogenito, le sferrò tre pugni al volto, facendola svenire, le sequestrò il cellulare per impedirle di chiamare i soccorsi, colpendola nuovamente in faccia. Era questo uno degli episodi più gravi che avevano portato in tribunale un 53enne di Ruffano e per il quale la pubblica accusa aveva invocato una condanna a tre anni e tre mesi.

La sentenza emessa oggi dal giudice Marcello Rizzo ha riconosciuto l’imputato (assistito dall’avvocato Simone Viva) responsabile di un solo caso di lesioni, pronunciando così un verdetto più mite a un anno di reclusione.  

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Stando alle carte dell’inchiesta, invece, i maltrattamenti sarebbero iniziati subito dopo il matrimonio, nel 2012: la moglie sarebbe stata picchiata anche in presenza dei figli minorenni, per motivi banali, e per questo decise di fuggire in casa di una familiare a Taurisano. Le cose non sarebbero migliorate neppure dopo la separazione: pedinamenti, appostamenti sotto casa e sul posto di lavoro, fino al giorno in cui (nel 2015), durante una visita che gli fu concessa per vedere i figli, sarebbe stata presa a schiaffi e pugni in testa e sul corpo. E non finisce qui. Il 20 febbraio del 2018, l'ex si sarebbe introdotto nella sua auto e l’avrebbe picchiata nel tragitto verso Ruffano; la malcapitata riuscì a raggiungere la Caserma dei carabinieri, ai quali chiese aiuto, ricevendo poi le cure del caso nel pronto soccorso dell’ospedale di Casarano, dove le furono medicate le ferite allo zigomo, a un occhio e a un orecchio (la prognosi fu di 5 giorni). E' quest'ultimo episodio - in seguito al quale è stato disposto il divieto di avvicinamento alla donna (parte civile al processo con l’avvocato David Alemanno) - l'unico per il quale il 53enne è stato riconosciuto responsabile nella sentenza di oggi (le cui motivazioni saranno depositate entro novanta giorni).

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ragazza di 22 anni trovata morta in appartamento: è mistero

  • "La moneta da 1 euro non c'è più nel carrello". E lui chiama la polizia

  • Infezione da Covid-19: sono 56 i casi positivi nel Salento, 6 a Lecce

  • Cade dagli scogli in un punto impervio, ferito recuperato con l'elicottero

  • Tragedia in ospedale: si lancia dal quarto piano, muore donna 73enne

  • Covid, quattro casi e un decesso nel Leccese. Movida: controlli straordinari

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
LeccePrima è in caricamento