“Case popolari&Voti”, l'ex assessore Monosi si riprende la libertà

Il Tribunale del Riesame ha accolto l’appello presentato dai difensori perché sono venute meno le esigenze cautelari. Il politico era ai domiciliari dallo scorso settembre

monosi perrone_2-2LECCE - Parteciperà da uomo libero al processo che inizierà lunedì e nel quale è tra i principali imputati, quello delle case popolari assegnate in cambio di voti. Dopo aver trascorso sette mesi ai domiciliari ed aver incassato più rifiuti (da parte del Tribunale del Riesame, del gip Giovanni Gallo, e del gup Edoardo D’Ambrosio), oggi l’ex assessore ed ex consigliere comunale Attilio Monosi è riuscito a riprendersi la libertà.

WhatsApp Image 2019-04-05 at 16.00.01-2Stavolta, i giudici del Riesame hanno accolto l’appello presentato dagli avvocati difensori Luigi Covella e Riccardo Giannuzzi (nella foto a sinistra), perché sono venute meno le esigenze cautelari. Ad attendere Monosi ora c’è la partita più importante, quella davanti ai giudici che decideranno se è vero, come sostiene l’accusa, fosse ai vertici di un’associazione a delinquere dedita alla corruzione per atti contrari ai doveri d’ufficio, all’abuso d’ufficio, corruzione elettorale e falsi in atto pubblico.

In particolare, secondo le indagini condotte dai pubblici ministeri Roberta Licci e Massimiliano Carducci, l’ex politico avrebbe gestito l'assegnazione degli alloggi popolari per arricchire il proprio bacino elettorale con la complicità dell’ex assessore Luca Pasqualini e dell’ex consigliere, volto storico del Pd, Antonio Torricelli.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sete post-pizza? Ecco il perché e come ovviare al problema

  • Sfida a 200 all'ora: banda di ladri inseguita per oltre 70 chilometri

  • Doppio blitz, armi nascoste e stupefacenti a chili: scattano le manette

  • Anziani maltrattati in una casa di riposo, scattano 11 denunce

  • Scoppia una rissa, un 25enne ferito al setto nasale per aver chiamato la polizia

  • Sciolto il consiglio comunale di Scorrano: per la provincia di Lecce allarme mafia

Torna su
LeccePrima è in caricamento