Cronaca

Donna incinta picchiata e sbattuta contro un muro: 4 anni all’ex convivente

Arriva la sentenza nel processo col rito abbreviato nei riguardi di un 23enne di Taviano. Per l’accusa, né lo stato di gravidanza della malcapitata, né la presenza del figlioletto, avrebbero fermato la sua violenza

TAVIANO - L’avrebbe presa a schiaffi, a pugni e sbattuta contro un muro. E non l’avrebbe fermato neppure la consapevolezza che nel grembo della donna destinataria di tanta violenza, alimentata dalla gelosia e soprattutto dall’uso di sostanze stupefacenti, cresceva suo figlio.

Le cose non sarebbero cambiate neppure quando, diventato padre, gli era stata concessa una seconda opportunità per tenere unita la famiglia. Anzi. Avrebbe perseverato anche in presenza del bambino. Ed è così che oggi quell’uomo, un 23enne di Taviano (di cui omettiamo le generalità per tutelare la vittima) oggi è stato condannato. Quattro anni, due mesi e venti giorni, è la pena contenuta nella sentenza emessa dal giudice Sergio Tosi, dinanzi al quale si è discusso il processo col rito abbreviato.

Sono numerosi gli episodi di maltrattamenti (dal 2014 al 2017) contestati all’imputato nell’inchiesta avviata dal pubblico ministero Stefania Mininni, in seguito alla denuncia della convivente, sfociata nell’arresto dell’uomo, oggi ai domiciliari in una comunità di recupero. In un’occasione, il 23enne avrebbe sferrato un pugno in faccia alla malcapitata provocandole la rottura del setto nasale, e in un’altra ancora, in preda a una crisi di astinenza, l’avrebbe chiusa in bagno per ore. Davanti al figlioletto, dopo averla afferrata per il collo, le avrebbe sbattuto la testa contro la carrozzeria dell’auto, per poi tirarle un pugno.

Innumerevoli invece le volte in cui l’avrebbe offesa, umiliata, derisa anche pubblicamente o sui social, minacciata di morte, e le avrebbe impedito di uscire da sola fino a costringerla a chiudere ogni rapporto d’amicizia.

L’imputato era difeso dall’avvocato Biagio Palamà.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Donna incinta picchiata e sbattuta contro un muro: 4 anni all’ex convivente

LeccePrima è in caricamento