Martedì, 3 Agosto 2021
Cronaca

Interrogazione della Poli su vertenza Bat: arriva smentita di Iacobucci

Una nota diffusa dalla senatrice a proposito dell'interrogazione sulla vicenda dell'ex Manifattura Tabacchi, parlava di messa in mobilità dei dipendenti Iacobucci: noizia seccamente smentita dalla stessa azienda

Foto di archivio

 

LECCE - Come previsto, è arrivata la rettifica dell'azienda Iacobucci Mk rispetto alle notizie diffuse da un comunicato stampa della senatrice di Grande Sud, Adriana Poli Bortone relativamente alla messa in mobilità dei dipendenti aziendali. La circostanza è stata la presentazione dell'interrogazione parlamentare al ministero dell'Economia sulla vertenza Bat e sulle verifiche semestrali del piano di riconversione industriale i cui è compresa la stessa Iacobucci.
Di seguito, la nota aziendale:
 
A seguito delle erronee informazioni presenti nell'articolo "Vertenza Bat e produzione ferma, interrogazione della senatrice Poli Bortone" pubblicato sul sito www.lecceprima.it a firma della redazione, in data 4 luglio 2012, la Iacobucci Mk srl intende chiarire e pertanto precisa che non è in atto, nè lo è mai stata, alcuna procedura di mobilità, di cassa integrazione o qualunque altra avente per oggetto la riduzione del proprio personale dipendente.
 
Inoltre, in riferimento alla nota inserita ed attribuita alla senatrice Adriana Poli Bortone, di seguito riportata "delle tre aziende che hanno sottoscritto l' accordo, la Iacobucci ha già messo in mobilità i di
 
pendenti, ma pare continui a mantenere un nuovo esoso contratto, con una presunta responsabile della sicurezza", la Iacobucci Mk srl ribadisce che non vi è in corso alcuna procedura di mobilità, di cassa integrazione o qualunque altra avente per oggetto la riduzione del proprio personale dipendente e smentisce la citazione in oggetto, qualificandola come un commento non confermato da dati reali.

Gallery

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Interrogazione della Poli su vertenza Bat: arriva smentita di Iacobucci

LeccePrima è in caricamento