Laboratorio della droga in casa: a processo un 34enne

Disposto il giudizio immediato nei riguardi di Antonio Quarta, il 34enne di Monteroni arrestato lo scorso luglio, dopo la “visita” dei carabinieri

MONTERONI - Quando i carabinieri piombarono nel suo appartamento, a Monteroni, trovarono stupefacenti di ogni tipo e persino due presse meccaniche, ritenute utili a preparare i panetti. In carcere finì Antonio Quarta, 34enne del posto che ora dovrà rispondere della vicenda, avvenuta lo scorso luglio,  dal banco degli imputati.

Il giudice Carlo Cazzella ha accolto la richiesta di giudizio immediato avanzata dal pubblico ministero Stefania Mininni e se nel frattempo (e nei tempi previsti dalla legge) l’imputato non farà richiesta di riti alternativi (attraverso l’avvocato difensore Massimo Bellini) il processo si aprirà il 20 novembre davanti al giudice della prima sezione penale Francesca Mariano.

Quarta risponderà della detenzione ai fini di spaccio di 2 chili e 637 grammi di eroina (dai quali sarebbe stato possibile ricavare diecimila 611 dosi), 749,58 grammi di marijuana (438 dosi) e 10,88 di hashish (48 dosi).

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Fanno sesso, poi diffonde i video e affigge immagini: revenge porn, incastrato

  • Mauro Romano, chiuse le indagini sull’ex barbiere: sequestro di persona

  • “L’eredità”, il concorrente leccese batte il record di puntate da vincitore

  • Rapine con autovetture rubate anche durante il lockdown: in tre agli arresti

  • Scampato a un agguato con Kalashnikov, accoltella un uomo per motivi di viabilità

  • Debito di droga si trasforma in incubo: lo minacciano davanti al nipote, tre in manette

Torna su
LeccePrima è in caricamento