Domenica, 20 Giugno 2021
Cronaca

Lavori edilizi non autorizzati, scattano sigilli e cinque denunce

Gli illeciti sono stati accertati a Martano e a Parabita in due distinte operazioni eseguite dai carabinieri forestali delle stazioni di Otranto e Gallipoli

MARTANO/PARABITA - Cinque persone sono state denunciate all’autorità giudiziaria per aver violato il testo unico in materia di edilizia. Questo all’esito di due operazioni distinte svolte nelle scorse ore dai carabinieri forestali delle stazioni di Otranto e Gallipoli.

In particolare, i primi hanno riscontrato che nelle campagne di Martano fossero stati eseguiti interventi in difformità al progetto autorizzato, finalizzati alla realizzazione di un manufatto (nella foto d'apertura) con incremento volumetrico di circa 84,45 metri quadrati; di una recinzione non conforme sia per il materiale impiegato che per le dimensioni; di quattro colonne disposte su due ingressi; di un’ulteriore recinzione posta all’interno alta un metro e venticinque centimetri e intervallata da dodici pilastri.

In tre sono stati ritenuti responsabili delle violazioni e, per questo, una volta individuati per loro è scattata la denuncia a piede libero.

Si tratta del proprietario, di ventisette anni, dell’esecutore materiale dei lavori, di trenta, e del direttore dei lavori, di cinquantasei anni.

Il secondo sopralluogo che ha impegnato i forestali della stazione di Gallipoli è stato eseguito in agro di Parabita e si è concluso con il sequestro di un fabbricFORESTALI PARABITA-2ato di superficie complessiva pari a circa settanta metri quadrati (nella foto in pagina).

Questo in considerazione del fatto che sarebbero stati realizzati lavori di ristrutturazione per ampliare la superficie del manufatto (che originariamente sarebbe stata di ventotto metri quadrati) di altri quarantadue metri quadrati, senza alcun titolo autorizzativo e in assenza dei dovuti accertamenti di compatibilità paesaggistica.

Così, al termine degli accertamenti, i militari hanno posto i sigilli alla costruzione e due uomini, un sessantenne e un ventottenne, ritenuti responsabili degli abusi, sono stati deferiti all’autorità giudiziaria.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Lavori edilizi non autorizzati, scattano sigilli e cinque denunce

LeccePrima è in caricamento