Mercoledì, 16 Giugno 2021
Cronaca

Marijuana in casa, l’arrestato al gip: “Non riuscivo a pagare le bollette”

Revocati i domiciliari al 20enne di Maglie finito nei guai due giorni fa. Dopo l’interrogatorio, il giudice gli ha imposto come unica restrizione l’obbligo di firma

LECCE - Una della parte dello stupefacente era per uso personale e l’altra gli sarebbe servita a sostenere le spese, come il pagamento delle bollette, alle quali non riusciva a fare fronte.

Ha sostenuto questo durante l’interrogatorio di convalida col gip Giulia Proto, Antonio De Donatis, il 20enne di Maglie finito ai domiciliari due giorni fa, quando i carabinieri hanno trovato nel suo appartamento (preso in affitto con altri due giovani) a Lecce, dove il ragazzo aveva 334,30 grammi di marijuana, un bilancino di precisione e 230 euro.

Accogliendo l’istanza dell’avvocato difensore Luigi Corvaglia, il giudice ha revocato la misura cautelare, imponendogli come unica restrizione quella dell’obbligo di firma.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Marijuana in casa, l’arrestato al gip: “Non riuscivo a pagare le bollette”

LeccePrima è in caricamento