menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Nello zaino, libri e droga, lo studente davanti al giudice: “Mai spacciato a scuola”

Si è svolto in mattinata l’interrogatorio del 19enne di Cutrofiano finito ai domiciliari dopo un controllo stradale. Ha ammesso le sue responsabilità ma ha negato di aver svolto attività illecita nell’istituto scolastico

CUTROFIANO - Ha ammesso le sue responsabilità Giorgio Melissano, il 19enne di Cutrofiano finito ai domiciliari dopo che i carabinieri l’avevano fermato per un controllo stradale mentre andava a scuola e avevano trovato nel suo zaino oltre ai libri, due dosi di un grammo di Mdma, 14 grammi circa di marijuana e un bilancino elettronico di precisione.

Durante l’interrogatorio che si è tenuto in mattinata davanti al gip Edoardo D’Ambrosio, il ragazzo (assistito dall’avvocato Donato Sabetta) ha però precisato che gli scambi sarebbero avvenuti in una cerchia ristretta di amici e di non aver mai spacciato all’interno dell’istituto scolastico che frequenta a Maglie; la droga l’avrebbe portata con se solo per paura di essere scoperto dai familiari.  

Le indagini condotte dal pubblico ministero Paola Guglielmi con i militari avevano già trovato riscontri riguardo l’attività illecita esaminando il materiale contenuto nel cellulare sequestrato il giorno dell’arresto, soprattutto le chat su whatsapp. Ma gli accertamenti sono ancora in corso. Al vaglio degli inquirenti c’è anche l’ipotesi che il 19enne custodisse la sostanza stupefacente per conto di gente più “grande”.

Ora, starà al giudice decidere se confermare i domiciliari o concedere una misura meno grave.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

LeccePrima è in caricamento