Prete accusato di aver molestato una 13enne: caso chiuso

Dopo la ritrattazione delle accuse da parte della minore, il giudice dispone l’archiviazione. Anche ammettendo un nuovo ascolto, il procedimento sarebbe “compromesso” riguardo l’attendibilità

LECCE - Si è concluso con un’archiviazione il procedimento sulle presunte molestie che una tredicenne avrebbe subito, in più circostanze, tra il dicembre del 2016 e il giugno del 2017, da un parroco di un paesino alle porte di Lecce.

Il gip Cinzia Vergine ha quindi accolto la richiesta di chiudere l’inchiesta, avanzata dal pubblico ministero Stefania Mininni, e rispetto alla quale si era opposto il padre della ragazza, attraverso l’avvocato Benedetto Scippa. Il legale aveva chiesto un terzo incidente probatorio, ma il giudice ha ritenuto che le dichiarazioni della presunta vittima sarebbero già in partenza “compromesse” circa l’attendibilità per diverse ragioni: il lungo tempo trascorso; l’eventuale inquinamento dovuto al ripetersi delle dichiarazioni e quello dovuto a condizionamenti esterni, maggiori rispetto al passato. Non solo. La ragazzina sarebbe sottoposta a un ulteriore e inutile turbamento emotivo, perché anche qualora dovesse cambiare versione, confermando le accuse iniziali ritrattate lo scorso giugno, nessun giudice potrebbe arrivare a una soluzione univoca.

Nell’ultimo confronto con il gip, nel tribunale per i minorenni, la giovane riferì di aver accusato il prete ingiustamente per rabbia e per gelosia covate nei riguardi della madre che con l’uomo aveva stretto una relazione sentimentale. L’inchiesta vedeva indagate la stessa madre della ragazzina, accusata di aver costretto la figlia a compiere atti di autoerotismo e per aver mentito al pm sui contatti con l’amante e, sempre per false informazioni al pubblico ministero, la nonna (le due donne erano difese dall’avvocato Francesco Cavallo).

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il prete era assistito dagli avvocati Stefano De Francesco e Vittorio Vernaleone. Curatrice speciale della minore l’avvocatessa Agnese Caprioli.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Rientrano dal Brasile nel Salento: madre, padre e figlia positivi al Covid

  • Militari in spiaggia: sequestro in un lido, denunciato imprenditore

  • Giorgia e il fidanzato Emanuel Lo: vacanze salentine d’amore

  • Fiamme e fumo sulla collina di Lido Conchiglie. Si sospetta l'origine dolosa

  • Rave nelle campagne, musica sparata per ore: sgomberati in circa 300

  • Molesta la barista e fugge, ma dopo un’ora ritorna e lo riconoscono

Torna su
LeccePrima è in caricamento