Schianto in auto nella notte di Halloween: muore una 17enne

L’incidente è avvenuto nel cuore della notte sulla statale 275, sulla Lucugnano-Alessano. Sul posto i sanitari del 118, ma per la vittima non c’è stato nulla da fare. Indagano i carabinieri

LUCUGNANO - Doveva essere la fine di una serata di festa e invece per lei la conclusione è stata la peggiore possibile. Questa notte, ha perso la vita a soli 17 anni, Siria Fanciullo, di Presicce che viaggiava a bordo di un’auto, una Renault Clio, in compagnia delle sue due sorelle e condotta dal marito di una di queste.

L’incidente è avvenuto sulla statale 275, sulla Lucugnano-Alessano: il ragazzo, un 27enne di Presicce, ha perso il controllo del mezzo, ultimando così la corsa contro il muro che circonda la sede dell'azienda “Ferramenta Bennardi”. Lo schianto è stato così violento che per la giovane non c’è stato nulla da fare. Gli altri tre feriti sono stati trasportati in ambulanza nell’ospedale “Vito Fazzi “di Lecce. Non sono in pericolo di vita, ma sulle loro condizioni, i medici al momento non si pronunciano, mantenendo la prognosi riservata.  

Sul luogo è intervenuta una pattuglia dei carabinieri di Presicce con i colleghi della stazione di Alessano, dipendenti dalla compagnia di Tricase, per ricostruire la dinamica del sinistro che non ha coinvolto altri mezzi. Resta sconosciuta la ragione che lo ha determinato, ma di certo non è legata ad alcol e droga. Il conducente è infatti risultato negativo sia al test tossicologico che a quello alcolemico.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Violento schianto in centro, coinvolto il musicista Nando Popu

  • Forestali, denunce a raffica. E sequestrate 98mila piantine di melograno

  • Carabiniere e “Le Iene” sott’accusa, chiesti 100mila euro di risarcimento

  • Spaccio di droga: in 14 a processo. Tra loro l’imprenditore dei vini Gilberto Maci

  • Nuova ondata di maltempo: allerta arancione in attesa delle violente raffiche di vento

  • Violentò la figlia e nacque una bambina: il padre condannato a 30 anni

Torna su
LeccePrima è in caricamento