A caccia di tordi con richiami illeciti, i forestali denunciano tre bracconieri

Sono tutti giovani di Soleto, scoperti dagli agenti del comando stazione di Lecce nelle campagne intorno a Sternatìa, nella suggestiva località "Laccu te lu Capraru". Quando hanno visto i forestali, hanno invano spento i richiami. Sequestrati anche fucili e munizioni, oltre alla selvaggina

STERNATIA – Il maltempo non ferma le attività venatorie e nemmeno i controlli del corpo forestale dello Stato, sempre in cerca di coloro i quali superano il confine del lecito e si tramutano in spietati bracconieri, pronti a usare ogni mezzo pur di portare a casa i propri “trofei”.

L’ennesimo episodio arriva questa volta dalle campagne della Grecìa Salentina, dove alcuni agenti del comando stazione forestale di Lecce, nel corso di una perlustrazione, si sono addentrati in località “Laccu te lu Capraru”, una zona caratterista nelle campagne di Sternatìa, così chiamata per la presenza di uno stagno, dove un tempo i pastori portavano le capre ad abbeverarsi.

Invece di ovini, però, in questa suggestiva area alle spalle di alcuni uliveti, i forestali vi hanno scovato umani. Tre in tutto, per la precisione, che con i loro fucili erano intenti a mirare e pronti a far fuoco contro gli uccelli. E fin qui nulla di anomalo, se non fosse stato per l’uso dei classici richiami acustici a funzionamento elettromagnetico.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Appena hanno notato gli agenti, i tre, tutti di Soleto, di 34, 43 e 22, hanno subito spento gli apparecchi. Il che, probabilmente, non ha fatto altro che attirare ancor di più l’attenzione su di loro perché d’incanto ogni cinguettio è terminato e il silenzio improvviso deve essere apparso ancor più anomalo. Tutti e tre sono stati ovviamente denunciati a piede libero. Gli agenti hanno anche sequestrato i rispettivi fucili, nove cartucce, quattro tordi giù abbattuti e – chiaramente – i richiami acustici, due in tutto.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Duplice omicidio: muoiono un uomo e una donna, ricercato l’autore

  • Muore sotto la doccia, la tragica scoperta dei genitori al rientro a casa

  • Duplice omicidio: assassino ripreso per dei secondi, ha ucciso con pugnale da sub

  • Duplice omicidio: autopsia sui corpi delle vittime, perquisizioni nelle case

  • Impeto e rabbia, dinamica di un duplice omicidio su cui s'interroga una città

  • Nel biglietto insanguinato mappa e annotazioni su come agire

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
LeccePrima è in caricamento