Cronaca

A Natale adotta un'aiuola. E addobba lo spartitraffico

La Fidapa di Gallipoli si prenderà cura, con l'ausilio di una ditta privata, della zona verde all'ingresso della città. E tra segnali e photored spuntano stelle di Natale e piante grasse

L'aiuola adottata dalla Fidapa di Gallipoli (foto A.Tricarico)

Rispetto della natura e del prossimo, temi e valori cardine per il sodalizio delle donne della Fidapa sezione di Gallipoli che in queste ultime settimane hanno dato concreta visibilità ad una delle loro iniziative dal "profumo" natalizio. Per il mese di dicembre, per rimanere ancorate al tema conduttore di riferimento a livello nazionale, ovvero: "Alla ricerca di un valore perduto?il Rispetto", l'attività della sezione ionica ha previsto un intervento tangibile con l'iniziativa: "Adottiamo un'aiuola". Non un semplice slogan, come spiega la presidente Anita Marzano, visto che nella convinzione di dover contribuire, anche con segnali visibili, alla cultura del rispetto della città, la Fidapa ha fatto propria l'aiuola compresa nello spartitraffico di fronte all'Hotel Joli Park (all'ingresso nord di Gallipoli).

Ottenuta la relativa autorizzazione da parte degli Uffici competenti, l'aiuola è stata adottata e data in gestione alla ditta Mariani di Taviano per le cure e la coltivazione specifica. E subito sono spuntate stelle di natale e piantine grasse ad impreziosire l'austera visione dei segnali stradali di indicazione e divieto e della minacciosa colonnina photored. "La nostra idea parte dal presupposto" dice ancora la responsabile della Fidapa, "che un gesto, anche minimo, come questo, può generare il gusto di tenere la città in ordine, di prendersene cura, come ognuno fa con la propria persona e con la propria casa tutti i giorni. Ci auguriamo, dunque, di dar vita ad una reazione a cascata in modo da assistere a più grandi e più consistenti iniziative analoghe. Colgo l'occasione, per porgere con questo gesto e a nome di tutte le associate, i nostri più sinceri auguri di Buone Feste a tutta la popolazione di Gallipoli".

E a proposito di reazione a catena nell'adozione delle aree verdi cittadine, sembra che le buone intenzioni non manchino. Soprattutto da parte di diversi operatori commerciali che piuttosto che vedere abbandonate le zone verdi o le aiuole che insistono a ridosso dei loro negozi, sarebbero ben lieti di occuparsene. Sempre che il Comune sia disposto a venire incontro alle loro richieste. Paradossalmente sembra che da anni la meritoria iniziativa della Fidapa, sia stata più volte in animo di essere attuata anche dai gestori del bar "Fontana Greca" nei pressi di piazza Aldo Moro. Alla richiesta di ottenere le autorizzazioni formali per occuparsi dell'aiuola prospiciente l'antica fontana ancora "impacchettata", gli uffici competenti non hanno mai dato esito e seguito favorevole.... Sarebbe opportuno dunque, al fine di far proliferare le adozioni "botaniche", mettere tutti i cittadini in condizione di ottenere i relativi permessi. Prima che le buone intenzioni della Fidapa o dei volenterosi gestori della Fontana Greca corrano il serio rischio di....appassire.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

A Natale adotta un'aiuola. E addobba lo spartitraffico

LeccePrima è in caricamento