Cronaca

A processo con l’accusa di aver redatto un testamento falso: assolto

Dopo sei anni, Oronzo Vizzino, 69 anni di Vernole, è riuscito a dimostrare che il documento che lo indicava erede universale della zia, era autentico ed è stato assolto. Era accusato di falsità e appropriazione indebita

LECCE - Approfittando della condizione di demenza della zia, falsificò il testamento e diventò così l’unico beneficiario dei suoi beni: 30mila euro e un’immobile. Ci sono voluti sei anni, ma alla fine il nipote, Oronzo Vizzino, 69enne di Vernole, è riuscito a dimostrare che l’accusa mossa dai cugini era falsa. Lo ha stabilito il processo che si è concluso oggi con un verdetto di assoluzione con formula piena.

Le motivazioni della sentenza, emessa dal giudice della prima sezione penale del Tribunale di Lecce Natascia Mazzone, saranno depositate entro 90 giorni, ma di certo, a fare da ago della bilancia sono state le due perizie, una disposta dal giudice, l’altra dal difensore (l’avvocato Vincenzo Magi), giunte alla stessa conclusione: il testamento era autentico. E alle stesse conclusioni è giunta pure la perizia effettuata nel processo civile ancora in corso.

Quanto, invece, alle condizioni dell’anziana, alcuni testimoni ascoltati durante il processo hanno smentito sia che fosse analfabeta sia che fosse incapace di intendere e di volere.

A dare il via all’inchiesta, condotta dal pubblico ministero Roberta Licci, fu la denuncia di alcuni cugini (parte civile al processo con gli avvocati Davide Pastore e Paola Vestito). Lo accusavano di aver prodotto un documento falso (pubblicato il 1° febbraio 2012), in cui si attribuiva l’intero patrimonio della zia, a dispetto della volontà manifestata da quest’ultima di dividere equamente i beni tra i nipoti. In questo modo, quindi, Vizzino si sarebbe appropriato della somma di 9mila euro circa dal conto corrente della donna. Il 69enne rispondeva infatti, oltre che di falsità di testamento olografo, di appropriazione indebita. Ma, come detto, il processo ha stabilito un’altra verità.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

A processo con l’accusa di aver redatto un testamento falso: assolto

LeccePrima è in caricamento