Giovedì, 17 Giugno 2021
Cronaca

Abbattono ulivi secolari per farne legna. Ricercati i responsabili

Ladri di legname tornano all’azione, senza risparmiare alberi di oltre 400 anni. E’ accaduto ancora, questa volta nelle campagne di Taviano. Servendosi quasi certamente di mezzi pesanti, i malviventi hanno fatto incetta di tronchi per poi fuggire

Un'immagine del "lavoro" dei ladri

TAVIANO – Li hanno tranciati, per farne legna. Che poi oltre ad essere materia prima fossero soprattutto  monumenti naturali, poco è importato. Alcuni malviventi, nel corso di questi giorni, hanno infatti reciso diversi  ulivi secolari, da un terreno privato nella campagne di Taviano, in contrada Cupe, al confine con il territorio di Matino.

Alberi imponenti e grovigli di legno di oltre 400 anni, abbattuti senza nessun ripensamento dai ladri sempre più specializzati in questo nuovo “settore”. Quando il contadino che gestisce il terreno – il proprietario vive, infatti, nel Modenese – ha cercato subito eventuali testimoni che avessero potuto notare individui o mezzi aggirarsi in quelle campagne che, peraltro sono piuttosto distanti dalle strade vicinali.

Ma nulla. Tra i  campi, sempre più abbandonati e deserti, non è stato visto nessuno. Eppure, coloro che hanno agito lo hanno fatto servendosi di camion appropriati, dove avranno certamente caricato interi tronchi, senza neppure tagliarli sul posto. Dell’accaduto sono stati informati i carabinieri della stazione di Taviano. Un paio di settimane addietro, nella campagne di Cutrofiano, furono proprio i militari dell'Arma a bloccare tre individui, autori di episodi simili.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Abbattono ulivi secolari per farne legna. Ricercati i responsabili

LeccePrima è in caricamento