Giovedì, 17 Giugno 2021
Cronaca

Abitazione trasformata in centrale di spaccio, arrestata una casalinga

La donna divide l'appartamento con il marito e i tre figli. Nascondeva quasi un etto di marijuana e varie dosi cocaina

LECCE – Da alcuni gironi i carabinieri del Nucleo operativo tenevano sotto osservazione un’abitazione alla periferia di Surbo, in cui era stato segnalato uno strano andirivieni di auto e persone. Dopo aver raggiunto l’appartamento a bordo delle proprie autovetture, sostavano per alcuni minuti salendo all’interno dell’immobile, e se ne allontanavano pochi minuti dopo, probabilmente dopo aver acquistato della droga. Ieri mattina i militari hanno deciso di fare irruzione nell’abitazione e interrompere quella che da subito è sembrata una intensa attività di spaccio. Nell’appartamento un’intera famiglia, costituita da padre, madre e tre figli. Tutto il nucleo familiare è stato dunque sottoposto ad identificazione e perquisizione. Quest’ultima è stata poi estesa all’intera abitazione, dove erano nascosti 98 grammi di marijuana e 7,7 di cocaina, suddivisa in 25 dosi TAMBORRINO MARIA MADDALENA-2costituite da cellophane chiuso con del nastro isolante nero, un bilancino di precisione e innumerevoli ritagli di cellophane e bustine trasparenti, tutto materiale pronto per essere utilizzato per il confezionamento di nuove dosi da immettere in circolazione.

I carabinieri hanno anche sequestrato 675 euro, suddivisi in banconote di piccolo taglio, ritenuti provento di spaccio. Sia la cocaina che la marijuana sono state rinvenute in stanze diverse, ben nascoste in ogni punto della casa, ma l’unica ad essersene assunta la proprietà è stata la madre, una casalinga: Maria Maddalena Tamborrino, 44enne. La donna, su disposizione del magistrato di turno, è stata arrestata e trasferita nella casa circondariale di Borgo San Nicola.    

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Abitazione trasformata in centrale di spaccio, arrestata una casalinga

LeccePrima è in caricamento