Cronaca

Abusi e molestie nei confronti della figlia, condannato a otto anni e mezzo

L'uomo, un 39enne di Ugento, avrebbe abusato della figlia affidata alla madre durante le vacanze trascorse nel Salento

LECCE – E’ una triste storia di violenza, soprusi e infanzia violata quella che arriva da Ugento. Una squallida vicenda di abusi consumati a danno di una giovane creatura, per di più nel contesto familiare. A farne le spese una bambina che all’epoca dei fatti aveva nove anni, che avrebbe subito gli abusi da parte del padre, un 39enne. Una vicenda che si è conclusa in primo grado con una condanna a otto anni e sei mesi di reclusione.

La sentenza è stata emessa dai giudici della prima sezione penale. L’accusa aveva chiesto per l’imputato, assistito dall’avvocato Roberto Bray, una condanna a otto anni. I giudici hanno anche disposto un risarcimento nei confronti della parti civili: 50 mila euro per la madre della bimba, assistita dall'avvocato Ciro De Angelis  e 20mila per ciascuno dei nonni materni, assistiti dall’avvocato Mariagrazia Barretta.

A dare avvio alle indagini, coordinate dal sostituto procuratore Carmen Ruggiero e condotte dai carabinieri di Ugento, la denuncia della madre (separata dall’imputato e residente in Sicilia), che ha raccolto il disagio e i turbamenti della figlia dopo le vacanze trascorse con il padre nel Salento. I fatti si riferiscono all'estate del 2011. La piccola ha poi confermato in sede di incidente probatorio disposto dal gip Cinzia vergine, dinanzi a due psicologhe, gli abusi subiti. Accuse poi confermate da altri elementi probatori e testimonianze.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Abusi e molestie nei confronti della figlia, condannato a otto anni e mezzo

LeccePrima è in caricamento