Abusi edilizi nella marina di Casalabate: a processo il presidente della Lega Navale

Si aprirà il 3 dicembre il processo nel quale è approdata l’inchiesta che ritiene Carlo Piccinno, 55 anni di Trepuzzi, responsabile di interventi non autorizzati nell’area in cui ha sede l’Associazione

SQUINZANO - Interventi non autorizzati realizzati nella marina di Casalabate, a Squinzano, nell’area in cui ha sede la Lega Navale, tirano in causa il presidente locale dell’Associazione.

Si aprirà il prossimo 3 dicembre il processo nel quale è approdata l’inchiesta della Procura di Lecce che ritiene Carlo Piccinno, 55 anni di Trepuzzi, responsabile di violazioni al testo unico sull’edilizia, al Codice della navigazione e di distruzione o deturpamento di bellezze naturali.

Stando alle verifiche della magistratura, i lavori, accertati il 19 gennaio del 2019, sarebbero stati eseguiti senza nulla osta delle autorità e senza i titoli rilasciati dal Capo di Compartimento in una zona demaniale di 1.792 metri quadrati (adibita a uso parcheggio di imbarcazioni da diporto e occupata per 670 metri quadrati da un parcheggio auto,  per 50 dalla sede sociale della Lega, per altri 170 da uno scivolo, e per i restanti da una zona scoperta), sottoposta a vincoli paesaggistico e idrogeologico e di notevole interesse pubblico.

Tra le opere finite sotto i riflettori del pubblico ministero Paola Guglielmi, il magistrato che ha coordinato le indagini, ci sono: la recinzione dell’intera zona costituita da paletti e rete metallica e in alcuni punti da blocchi in cemento; una serie di fabbricati anche questi in metallo e cemento; attrezzatura per l’alaggio e il varo dei natanti ancorata a terra; una passerella di 12 metri x 1, 50 metri, realizzata con elementi metallici e camminamento in legno, che ricadeva in parte a terra, in parte in acqua dove era ancorata a un supporto in cemento armato.

Queste le accuse che il presidente avrà modo di respingere a dibattimento.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Perde il controllo della moto e si schianta vicino casa: muore 35enne

  • Muore colto da infarto davanti alla scuola: attendeva la nipotina

  • Benzina e fuoco nell’autolavaggio: ma l'hard disk delle videocamere "sopravvive" alle fiamme

  • Non si fermano all’alt, schianto sul guardrail: in auto la targa rubata a un finanziere

  • Difendere un assassino, l’avvocato di De Marco: “Non siamo dei mostri”

  • Scuola, in arrivo una nuova ordinanza: Ddi al 100 per cento per una settimana

Torna su
LeccePrima è in caricamento