Sabato, 31 Luglio 2021
Cronaca

Abusi edilizi, sei denunce e sequestri di opere per circa 350mila euro

I carabinieri hanno svolto sopralluoghi nelle campagne intorno ad Uggiano, dove sono state sequestrate le opere più grosse, ma anche fra Botrugno e Nociglia. In diversi casi, realizzati ulteriori vani su strutture autorizzate

UGGIANO LA CHIESA – Opere abusive, o difformi rispetto ai progetti originari, rilevate dopo i controlli dei carabinieri della compagnia di Maglie, e scattano sei denunce e altrettanti sequestri per un valore di 350mila euro. Il servizio s’è svolto ieri, soprattutto nel territorio di Uggiano La Chiesa, ma non sono mancate contestazioni anche nei confronti di persone residenti fra Botrugno e Nociglia.

Sono stati i carabinieri delle stazioni di Minervino di Lecce e Nociglia a spiccare le denunce, per difformità o assenza di permesso costruire. Nel primo caso, si tratta di G.C., 57enne, residente ad Otranto, coltivatore diretto. Le contestazioni dei militari hanno riguardato un interrato di 49 metri quadri, sottostante all’abitazione, regolarmente autorizzata, per un valore approssimativo di 60mila euro, lungo la strada provinciale Otranto-Cerfignano, in località “Matrico” (Uggiano La Chiesa).

Nel secondo caso, sempre per fatti avvenuti nella stessa località, in via Campo Sportivo, i militari hanno denunciato D.B.G.R., 62enne casalinga di Uggiano. In questo caso, le contestazioni riguardano un interrato di 134 metri quadri circa, al di sotto dell’abitazione autorizzata: valore approssimativo, 100mila euro.

Terzo episodio, in località “Santi Medici”, dov’è stato denunciato E.G., 43enne, di Uggiano coltivatore diretto. Qui, i carabinieri hanno rilevato l’esistenza di un interrato di 84 metri quadrati, al di sotto dell’abitazione autorizzata, per un valore di circa 80mila euro.

Quarto e ultimo episodio nella zona di Uggiano, sempre in località “Santi Medici”. La denuncia è stata spiccata nei confronti di M.S., 63enne, muratore residente a Pistoia, di fatto domiciliato a Uggiano. In questo caso, l’interrato era di 99 metri quadri, sempre al di sotto della casa autorizzata, e per un valore stimato in 100mila euro.

A Botrugno, invece, i carabinieri hanno deferito L.F., 50enne del posto, impiegato, per l’assenza del permesso di costruire di una muratura perimetrale a chiusura di una struttura porticata, delle dimensioni di 19 metri quadrati, riguardante un manufatto rustico già esistente. Un’opera del valore di circa 3mila euro.

Infine, in località “Fica Romana”, nei dintorni di Nociglia, i militari hanno denunciato P.P., 57enne, insegnante del posto, anche in questo caso per un’opera realizzata in assenza di permesso. Si tratta di un manufatto edilizio completamente interrato composto da muratura portante e solaio latero-cementizio, per circa 10mila euro. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Abusi edilizi, sei denunce e sequestri di opere per circa 350mila euro

LeccePrima è in caricamento