rotate-mobile
Venerdì, 1 Luglio 2022
Cronaca

Abusi nel doposcuola, 8 anni alla donna accusata di aver “coperto” il marito

Confermata in Appello la sentenza nei riguardi di Giuseppa Filippo coinvolta nella vicenda di presunti abusi ai danni di minorenni nell’abitazione dove viveva col coniuge a Martano

LECCE - Non è cambiata di una virgola la sentenza emessa in primo grado nei riguardi di Giuseppa Filippo, la 73enne accusata di aver coperto le presunte molestie sessuali del marito (poi deceduto) nei confronti di alcuni studenti (tutti minorenni) che frequentavano il  doposcuola presso la loro abitazione a Martano.

Il verdetto è stato emesso ieri in tarda serata dalla Corte d’Appello di Lecce (composta dalla presidente Laura Liguori, relatrice Adele Ferraro e dal giudice Alessandra Ferraro), alla quale la Procura generale (rappresentata dal sostituto Salvatore Cosentino) aveva chiesto un aumento della pena a 9 anni, ritenendo si trattasse di violenza di gruppo.

Confermati anche il risarcimento del danno (che sarà quantificato e liquidato in separata sede) e le provvisionali (tra i 5 e i 10mila euro) nei riguardi di otto genitori delle presunte vittime, parti civili con gli avvocati Carlo Sariconi, Marco Castelluzzo e Antonio Amato.

Fu proprio una coppia di genitori a denunciare ai carabinieri le molestie che avrebbe subito la propria bambina a mettere in moto l’inchiesta che nel dicembre 2009 sfociò in un’ordinanza di custodia cautelare. L’imputata ha sempre respinto le accuse e non appena saranno depositate le motivazioni (entro 90 giorni) valuterà (attraverso il suo avvocato Tania Rizzo) il ricorso in Cassazione.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Abusi nel doposcuola, 8 anni alla donna accusata di aver “coperto” il marito

LeccePrima è in caricamento