Giovedì, 24 Giugno 2021
Cronaca

Accompagna 89 migranti nel Salento: espulso dall’Italia lo scafista russo

Il 32enne fermato lo scorso 9 febbraio, a Otranto, dopo uno sbarco, lascerà il territorio italiano. E' stato accompagnato a Fiumicino, dove si imbarcherà per un volo diretto a Mosca

Il veliero sul quale viaggiavano i migranti

LECCE  - Espulso per favoreggiamento dell’immigrazione clandestina: è stato accompagnato presso l’aeroporto di Fiumicino, dove si imbarcherà per un volo diretto a Mosca.  Aleksandr Savateev, il 32enne di nazionalità russa arrestato la scorsa settimana dai militari della capitaneria di porto di Otranto, dovrà lasciare il territorio italiano. Era stato sorpreso, assieme a un complice connazionale dopo il trasporto, a bordo di un veliero lungo 15 metri, di 89 migranti di varie nazionalità.   Sull'imbarcazione vierano anche diversi nuclei familiari e persino una neonata di due mesi, condotta immediatamente in ospedale.

A seguito di ulteriori verifiche il gip presso il Tribunale, pur convalidando l’arresto per i due stranieri, ha disposto la scarcerazione del 32enne. A quel punto, è stata la Divisione immigrazione della questura di Lecce ad eseguire i provvedimenti di competenza. E’ risultato irregolare sul territorio italiano. Sono scattate diverse verifiche a suo carico e lo straniero, che non conosce la lingua italiana, è stato ascoltato costantemente con l’ausilio di interprete in lingua russa, per  acquisire ogni elemento ritenuto utile.

La Divisione Immigrazione si è adoperata presso gli uffici della prefettura per l’emissione del decreto espulsivo prima citato.  Il questore di Lecce ha emesso, dunque, un provvedimento per rendere eseguibile l’intento del prefetto.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Accompagna 89 migranti nel Salento: espulso dall’Italia lo scafista russo

LeccePrima è in caricamento