Giovedì, 24 Giugno 2021
Cronaca

Accusato di violenza sessuale nei confronti della badante polacca, prosciolto

Al termine dell'udienza preliminare il giudice ha dichiarato il non doversi procedere perché il fatto non sussiste

LECCE – Non ci fu alcun caso di violenza sessuale. Il gup Vincenzo Brancato, accogliendo in pieno la tesi dell’avvocato Christian Quarta, ha prosciolto C.F.A., 64enne di Trepuzzi, dalle gravi accuse contestate. Il giudice ha dichiarato il non doversi procedere perché il fatto non sussiste.  

Al centro della vicenda giudiziaria le presunte molestie perpetrate ai danni di una donna, la badante di origine polacca dei genitori dell’imputato. Era stata la ednuncia della presunta vittima a dare avvio alle indagini. I fatti contestati facevano riferimento al periodo tra l’aprile e il dicembre del 2014. Il pubblico ministero Stefania Minini (sostituita in udienza dalla collega Francesca Miglietta) aveva chiesto il rinvio a giudizio del 64enne. Da qui la fissazione dell’udienza preliminare dinanzi al gup. La persona offesa si è costituita parte civile con l'avvocato Sara Attanasio.

Il giudice, però, ha ritenuto infondate le accuse e prosciolto l’uomo. Le motivazioni saranno depositate tra sessanta giorni.  

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Accusato di violenza sessuale nei confronti della badante polacca, prosciolto

LeccePrima è in caricamento