Sorpresi a rubare, rocambolesca fuga nei campi: uno viene acciuffato

I poliziotti di Taurisano hanno bloccato un 26enne. Con i complici stavano forzando una finestra del market Coop di Acquarica del Capo

ACQUARICA DEL CAPO – Due sono riusciti a fuggire, ma Ferdinando Nicola Preite, 26enne di Taurisano, più che vecchia conoscenza delle forze dell’ordine, non ha avuto scampo. Bloccato, è finito in arresto dopo un assalto fallito al supermercato Coop di Acquarica del Capo, avvenuto nella tarda serata di ieri. A bloccarlo sono stati gli agenti di polizia del commissariato di Taurisano. Dopo segnalazioni, le volanti sono scattate sul posto, sorprendendo tre individui, tutti incappucciati e vestiti di nero, nel momento in cui stavano tentando di scardinare una finestra a colpi di martello.

Quando hanno visto i poliziotti, i tre sono subito fuggiti, cercando di dileguarsi attraverso le campagne vicine. E dovendo abbandonare una pesante borsa piena di arnesi da scasso che a quel punto era solo d’ingombro. Così, dopo aver scavalcato il muro di cinta di una casa in costruzione, sono stati inseguiti a piedi dai poliziotti, in mezzo alla campagna completamente avvolte dal buio. Due sono riusciti a svignarsela, ma uno è stato bloccato. Addosso aveva ancora guanti e passamontagna. E, una volta tolto, è stato subito riconosciuto.

Oltre alla borsa, gli agenti hanno recuperato anche una mazzola di grosse dimensioni, uno scalpello, cacciaviti, una mola elettrica e altro ancora.  Tutto buttato all’aria durante la precipitosa fuga e ora sotto sequestro. Una volta portati nel commissariato e sentito il magistrato di turno, Preite è stato arrestato e condotto nella sua abitazione, ai domiciliari.

Una curiosità. Ferdinando Nicola Preite è fratello di Edoardo Preite, 32enne. Quest’ultimo è stato arrestato solo una decina di giorni addietro, sempre dagli agenti del commissariato diretto dal vicequestore Salvatore Federico e sempre dopo una fuga rocambolesca, in quel caso a Ugento, bordo di uno scooter con il quale lui e un complice, riuscito a svignarsela, hanno seminato il panico guidando all’impazzata, nel tentativo di eludere un controllo, fino a piombare per terra dopo essersi imbattuti in una grossa pozzanghera.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Viavai sospetto intorno a casa, blitz dei carabinieri: trovati droga e soldi

  • Coppia massacrata in casa, il giovane assassino reo confesso chiede l’abbreviato

  • Muore colto da infarto davanti alla scuola: attendeva la nipotina

  • Benzina e fuoco nell’autolavaggio: ma l'hard disk delle videocamere "sopravvive" alle fiamme

  • Curva stabile, quasi 1500 positivi. Casarano e Alessano scuole solo in Ddi

  • Paura nella notte: fulmine su palazzina sveglia i residenti, danni a elettrodomestici

Torna su
LeccePrima è in caricamento