Adescò bimba undicenne via Facebook. Condannato a due anni

Gianpaolo Giannone, 30enne, leccese, domiciliato a Forli, era già in carcere per un altro reato. S'è difeso in giudizio sostenendo di non sapere quale fosse la vera età della ragazzina, che in foto sarebbe apparsa più grande

@TM News/Infophoto

FORLI’ – Avrebbe adescato su Facebook una bimba di soli 11 anni di Cervia, sul litorale ravennate. Ma, al momento dell’appuntamento, invece della bimba, ha trovato i carabinieri. Gianpaolo Giannone, 30enne, leccese, domiciliato a Forli, è stato condannato in rito abbreviato dal gup Antonella Guidomei a due anni e due mesi di reclusione, contro i tre anni chiesti dalla Procura. L’imputazione: per tentati atti sessuali con minorenne. La notizia è riportata dall’Ansa.

Giannone, difeso dall'avvocato Erica Appi, avrebbe sostenuto di avere desistito dal suo proposito prima di arrivare all' incontro e, comunque, di ignorare l’età della persona conosciuta su Internet. A suo avviso, foto apparsa nel profilo, sarebbe apparsa molto più grande. Da qui, i messaggi di posta con chiare allusioni sessuali, fino ad arrivare ad una richiesta di un incontro a Cannuzzo di Cervia.

La vicenda non passò inosservata ai genitori dell’undicenne, che avvertirono i carabinieri.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il 30enne si trova già in carcere a Forlì, fin da metà settembre a causa di un vecchio precedente per furto aggravato di bicicletta passato in giudicato. Per la vicenda del tentato adescamento fu invece sottoposto a fermo di polizia giudiziaria il 29 agosto del 2011. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Trascina la figlia per l'orecchio, i clienti del bar si ribellano e finisce a botte

  • Coronavirus in Puglia: nove positivi, cinque nel Salento fra cui anziano di una Rsa

  • Sospetta violenza sessuale: 20enne con forti dolori denuncia stupro

  • Infezione da Covid-19: sono 56 i casi positivi nel Salento, 6 a Lecce

  • Nessuno stupro a Gallipoli: falso allarme, i due appartati prima del collasso

  • Puglia, sono 23 i nuovi positivi al coronavirus registrati in un giorno

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
LeccePrima è in caricamento