Lunedì, 2 Agosto 2021
Cronaca

Randagismo, record di adozioni fuori regione. Firmata convenzione sanitaria

Il canile-rifugio di Ugento si pone in testa alla classifica pugliese dell'anagrafe canina. Gli animali che hanno trovato casa lontano dalla Puglia, nel 2013, sono stai 115. E con 10mila euro il Comune si assicura la copertura sanitaria

UGENTO – Con 115 adozioni fuori regione il Comune di Ugento si pone in testa alla classifica pugliese dell’anagrafe canina. Con gli esemplari adottati in zona, sono stati in circa 161 gli esemplari transitati dal canile-rifugio che nel 2013 hanno trovato una famiglia pronta ad accoglierli. Su 170 richieste di intervento sono stata accalappiati 105 cani.

Numeri questi che l’amministrazione comunale ugentina rivendica con soddisfazione, ringraziando la preziosa opera dei volontari che si alternano nella struttura dove, nel 2012, erano presenti 130 cani. Nel 2013 il dato è sceso a 58 e oggi non ce ne sarebbero più di 25. L’amministrazione Comunale di Ugento ha parallelamente avviato una campagna di sterilizzazione dei cani presenti sul territorio: 93 sono state le richieste di microchippatura, sterilizzazione e profilassi vaccinale effettuate su cani e gatti randagi a cui è seguito l’affido a privati.     

È stato affidato, inoltre, all’ambulatorio veterinario del dottor Antonio D’Argento di Taviano il servizio di pronto soccorso per i cani randagi. La prestazione del servizio, regolata attraverso una convenzione tra l’amministrazione e l’ambulatorio, per la durata di un anno e un importo di 10mila euro, è stata approvata con determina numero 1681 del 6 dicembre 2013. Il servizio è stato esternalizzato poiché il Comune non è dotato nel suo organico di personale specializzato a tale funzione. Sarà quindi l’ambulatorio a provvedere agli Arturo in famiglia-2interventi in seguito alla cattura o al soccorso di un animale randagio, identificandolo ed eseguendo le terapie mediche e chirurgiche necessarie, con eventuale convalescenza presso le proprie strutture. La clinica convenzionata sarà reperibile 24 ore su 24, anche nei festivi. Nella convenzione sono previste attività di sensibilizzazione per la cittadinanza e per gli alunni di scuola primaria e secondaria del Comune di Ugento. 

Gli obiettivi per l’anno in corso mirano ad un’ulteriore riduzione del numero di cani presenti nella struttura con contestuale riduzione dei tempi medi di permanenza nel canile; un miglioramento del controllo sul territorio in collaborazione con la Asl; un’importante attività di sensibilizzazione della cittadinanza che possa responsabilizzare i proprietari di un animale domestico ad eseguire gli obblighi previsti per legge, primo su tutti la microchippatura, scongiurare casi di abbandono e diffondere la pratica dell’adozione degli animali ricoverati nel canile che più di altri hanno bisogno di una nuova casa e di chi si possa prendere cura di loro.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Randagismo, record di adozioni fuori regione. Firmata convenzione sanitaria

LeccePrima è in caricamento