Sabato, 24 Luglio 2021
Cronaca

"Aeroporti, l'assordante mutismo della politica"

Confindustria di Brindisi e Lecce accusano: "Avevamo già previsto che il bando avrebbe penalizzato lo scalo del Salento. Da tempo chiediamo più impegno da parte delle istituzioni"

Aeroporti, arriva il contrattacco di Confindustria Brindisi e Confindustria Lecce. Che in una nota congiunta dei rispettivi presidenti, Massimo Ferrarese e Piero Montinari, ricordano di aver "da tempo sollevato con determinazione il problema relativo ai voli nazionali ed internazionali agevolati con fondi pubblici e posti a gara da parte di Aeroporti di Puglia. Abbiamo sempre espresso - fin dalla presentazione del bando - che lo stesso come articolato avrebbe penalizzato l'Aeroporto del Salento e le assicurazioni fornite dai responsabili di Aeroporti di Puglia non ci hanno mai purtroppo convinto".

"Con rammarico constatiamo di essere stati facili profeti - dicono ancora le due associazioni. Abbiamo condiviso con le organizzazioni sindacali preoccupazioni e delusioni per i risultati negativi e, successivamente, anche con le istituzioni locali di Brindisi e Lecce, la necessità che venisse corretta la situazione che si era creata. Le argomentazioni politiche e tecniche articolate nei diversi incontri effettuati hanno rafforzato maggiormente la nostra convinzione sull'esigenza di un riequilibrio dei voli già opzionati".

"Conseguentemente - proseguono - abbiamo convenuto che la Provincia di Brindisi, in rappresentanza delle istituzioni e delle forze sociali di Brindisi e Lecce, si attivasse a partecipare direttamente alla rinegoziazione delle rotte già individuate. La politica, in tal modo, avrebbe potuto e dovuto svolgere al meglio il proprio ruolo a tutela dei legittimi interessi del territorio". E invece "a distanza di due settimane registriamo con preoccupazione un fragoroso mutismo", accusano. "Anzi nel frattempo vi è stata una ulteriore grave penalizzazione del Salento da parte della società aeroportuale per il recente bando di gara per il servizio trasporti da aeroporti verso diverse località. E' veramente mortificante, anche in questo caso, vedere del tutto ignorate le nostre più importanti zone ad alta concentrazione turistica, con particolare riferimento a quelle del sud Salento e dell'alto Jonio".


"Il timore che l'azione politica in assenza di una costante sollecitazione perda capacità propulsiva diventa sempre più fondato. Nonostante ciò - concludono Confindustria di Brindisi e Lecce - rilanciamo alle istituzioni ed alle parti sociali la esigenza di un immediato confronto per le necessarie ed inevitabili azioni da intraprendere".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Aeroporti, l'assordante mutismo della politica"

LeccePrima è in caricamento