Aggredito per strada alle prime luci del giorno, un 28enne perde quattro denti

Intervento questa mattina degli agenti della sezione volanti in viale dell’Università, a Lecce. Individuato e denunciato per lesioni uno dei responsabili

viale dell'Università, a Lecce

LECCE - Scene di violenza alle prime luci del giorno in viale dell’Università, a Lecce. Qui, un 28enne senegalese è stato picchiato da un gruppo di persone e l’aggressione gli è costata la perdita di quattro denti. Uno dei responsabili è stato identificato e denunciato per lesioni dai poliziotti della sezione volanti, giunti sul posto in seguito a una segnalazione. Si tratta di un 21enne pakistano, al quale è stato possibile risalire proprio grazie alle indicazioni fornite dalla vittima.

Al loro arrivo, gli agenti avevano notato alcune persone allontanarsi frettolosamente in più direzioni, per essere poi avvicinati da uno dei presenti che avrebbe indicato i giovani coinvolti nella vicenda. Tra questi, un 22enne che presentava delle macchie di sangue sulla nuca e lamentava dolori alla gamba sinistra, successivamente medicato dal personale del 118.

E’ stato allora che il 28enne ha riferito di essere stato assalito da un gruppetto di cui avrebbe fatto parte il 21enne, nei riguardi del quale, come detto, è scattata la denuncia.

Il giovane è stato poi medicato presso il pronto soccorso dell’ospedale “Vito Fazzi” di Lecce e dimesso con una prognosi di sei giorni.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coppia massacrata in casa, il giovane assassino reo confesso chiede l’abbreviato

  • Muore colto da infarto davanti alla scuola: attendeva la nipotina

  • Benzina e fuoco nell’autolavaggio: ma l'hard disk delle videocamere "sopravvive" alle fiamme

  • Non si fermano all’alt, schianto sul guardrail: in auto la targa rubata a un finanziere

  • Paura nella notte: fulmine su palazzina sveglia i residenti, danni a elettrodomestici

  • Rapina in pizzeria in via Leuca: escalation di episodi criminali nella zona

Torna su
LeccePrima è in caricamento