Sabato, 19 Giugno 2021
Cronaca

Aggressione all'autista della Sgm, identificati gli autori: sono due cittadini marocchini

Si tratta di un 37enne e un 34enne, denunciati per lesioni in concorso. Il più giovane sarà espulso poiché irregolare sul territorio nazionale

Il momento in cui è stata scagliata la bottiglia.

LECCE – Sono due cittadini marocchini di 37 e 34 anni, già noti alle forze dell’ordine per episodi di spaccio di droga, gli autori dell’aggressione ai danni di un autista della Sgm, avvenuta lo scorso 16 gennaio. A incastrare i due stranieri, le immagini delle telecamere di videosorveglianza di un distributore self service che si trova nei pressi del luogo in cui è avvenuta l’aggressione, su viale Oronzo Quarta, nei pressi del piazzale antistante alla stazione ferroviaria. A scatenare la reazione dei due la protesta, tra l’altro in maniera civile e garbata, della vittima dopo aver notato uno dei due orinare all’interno della pensilina della fermata degli autobus.

Per tutta risposta i due, probabilmente ubriachi, si sono scagliati contro l’autista, lanciando una bottiglia di birra che lo ha colpito al capo, provocandogli una ferita lacero-contusa con una prognosi di sette giorni. I due si sono poi allontanati, facendo perdere le proprie tracce. Gli agenti delle Volanti di polizia, intervenuti sul posto, hanno raccolto la deposizione della vittima e acquisito le immagini, che mostravano nitidamente i volti dei due aggressori, soggetti come detto già noti agli agenti, fermati in più occasioni nella zona di via Duca degli Abruzzi e della stazione ferroviaria.

Il video dell'aggressione

Ieri mattina, transitando in via Cavallotti, l’equipaggio di una pattuglia ha riconosciuto uno dei due aggressori, A.H, 37enne marocchino. L’uomo è stato condotto in questura e denunciato per lesioni in concorso. Le ricerche degli agenti hanno consentito di rintracciare anche il secondo uomo, proprio nei pressi del luogo in cui è avvenuta l’aggressione. Anche in questo caso il 34enne, M.N., è stato denunciato per lesioni. Dagli accertamenti eseguiti, il 34enne è risultato irregolare sul territorio nazionale e pertanto sottoposto a provvedimento di espulsione. L’uomo è stato condotto nel Cie di Restinco per essere poi rimpatriato.  

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Aggressione all'autista della Sgm, identificati gli autori: sono due cittadini marocchini

LeccePrima è in caricamento