Mercoledì, 16 Giugno 2021
Cronaca

Aggressione con mazza da baseball e coltelli: condannati tre giovani

Sono sette e mezzo gli anni inflitti a ciascuno dei tre imputati finiti sott’accusa per il pestaggio di tre ragazzi stranieri avvenuto il 30 settembre del 2018 all’esterno di un bar a Trepuzzi

TREPUZZI - Si è concluso il processo di primo grado sull’aggressione a colpi di mazza da baseball di un gruppo di stranieri avvenuta il 30 settembre del 2018 all’esterno di un bar a Trepuzzi.

Per il collegio della prima sezione penale del tribunale di Lecce, presieduto dal giudice Pietro Baffa, i responsabili di quel pestaggio furono Luca Giuseppe Cesaria, di 26 anni, Giuseppe Pellegrino, di 24, e Cristian Lazzari, di 37, tutti del posto.

Per ciascuno di loro il verdetto è stato di sette anni e mezzo di reclusione, più una multa di tremila euro, interdizione perpetua dai pubblici uffici e legale per la durata della pena.

La sentenza ha stabilito inoltre che venga risarcito il danno in separata sede alle vittime che si erano costituite parti civili con l’avvocato Luigi Renna.

Gli imputati (assistiti dagli avvocati Marco Pezzuto, Vincenzo Miglietta e Giordano Bacile di Castiglione) si sono sempre proclamati innocenti, respingendo le accuse di lesioni e rapina impropria, ma è a loro che portarono le indagini svolte dai carabinieri della stazione locale e coordinate dal pubblico ministero Maria Consolata Moschettini, sfociate poi nella richiesta di rinvio a giudizio accolta nel novembre del 2019 dal giudice per l’udienza preliminare Sergio Tosi.

Secondo gli accertamenti condotti dalla magistratura, col supporto dei filmati ripresi dalle telecamere di videosorveglianza della zona in cui si è verificato l'episodio, i tre, due dei quali (Cesaria e Pellegrino armati entrambi di coltelli con lama lunga venti centimetri e, il primo anche con mazza da baseball) avrebbero aggredito fisicamente tre uomini originari della Sierra Leone e strappato dal collo di uno di questi due catenine d’oro dal valore complessivo di 140 euro.

Non appena saranno depositate le motivazioni, i difensori valuteranno il ricorso in appello.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Aggressione con mazza da baseball e coltelli: condannati tre giovani

LeccePrima è in caricamento