Domenica, 1 Agosto 2021
Cronaca

Cenano assieme, poi l'aggressione. Un 51enne finisce in prognosi riservata

Un operaio originario di Brescia è rimasto ferito nella tarda serata di ieri a Copertino e ricoverato nel reparto di Neurochirurgia del "Vito Fazzi". Un suo collega 54enne è stato denunciato con l'accusa di lesioni e furto. Oltre a ferire la vittima, le avrebbe sottratto telefoni e contanti

Il pronto soccorso dell'ospedale di Lecce

COPERTINO – Si trovava assieme alla propria compagna, nella propria abitazione, quando è stato aggredito e derubato da un conoscente. Con il quale, secondo le prime ricostruzioni, avrebbe cenato poco prima. La vittima della vicenda, accaduta nella tarda serata di ieri è E.P., un 51enne originario della provincia di Brescia, attualmente residente a Copertino, finito in ospedale con gravi lesioni. I.S., un suo collega di 54 anni, residente nella cittadina, si è infatti recato presso la casa della vittima e, dopo avergli sferrato diversi colpi al corpo e al viso, provocandogli un trauma cranico, gli ha sottratto i due telefoni cellulari, e una somma di 450 euro che il malcapitato custodiva nelle tasche.

E’ stato soccorso e trasportato d’urgenza presso l’ospedale “Vito Fazzi” di Lecce, dai carabinieri della tenenza di Copertino, i quali lo hanno trovato riverso per terra e sanguinante. A seguito degli accertamenti sanitari, è stato ricoverato nel reparto di Neurochirurgia, in prognosi riservata. Ha riportato diverse lesioni e contusioni giudicate piuttosto serie dal personale medico che ora monitora costantemente il quadro clinico dell’operaio.

I militari dell’Arma della compagnia di Gallipoli, che dopo aver trasportato la vittima presso il nosocomio hanno ascoltato le dichiarazioni della donna che si trovava in compagnia del 51enne, hanno avviato le indagini. In un armadio dell’abitazione del presunto aggressore, hanno rinvenuto una giacca, intrisa di sangue, nella quale era stata riposta la somma esatta indicata dal ferito.I due telefoni, invece, sono stati rintracciati nell'auto del denunciato.

Da una prima ricostruzione sembrerebbe che i due, oltre che dal lavoro, fossero  legati anche da un’amicizia, tanto da aver condiviso la serata, fino agli istanti precedenti all’episodio. Nel corso della mattinata, intanto, in attesa di risposte più chiare su una vicenda dai contorni ancora piuttosto oscuri, il 54enne è stato deferito in stato di libertà con l’accusa di furto e lesioni aggravate.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Cenano assieme, poi l'aggressione. Un 51enne finisce in prognosi riservata

LeccePrima è in caricamento