Cronaca

Agricoltura e pesca, contrasto alle frodi comunitarie: accordo prorogato

Guardia di finanza e Regione Puglia hanno rinnovato il patto per lo scambio di informazioni, a tutela della comunità e dell'economia

BARI – Agricoltura e pesca sono fra i comparti economici principali della Puglia, e per questo motivo è necessario un controllo accurato anche sotto il profilo di incentivi e, quindi, spesa pubblica. Il rischio di frodi, ai danni della comunità, è sempre dietro l'angolo. 

A tale proposito, il direttore del Dipartimento agricoltura della Regione Puglia, Gianluca Nardone e il generale di divisione Vito Augelli, comandante regionale della Guardia di finanza, hanno sottoscritto, presso la caserma “Mavm Giovanni Macchi” di Bari, la proroga della convenzione sul controllo della spesa pubblica in materia di incentivi comunitari previsti dai relativi Programmi di sviluppo in materia di agricoltura e pesca.

La sottoscrizione della convenzione tra il Dipartimento agricoltura regionale e il comando delle “fiamme gialle” lo scambio di informazioni per sviluppare successive analisi di rischio nei confronti dei soggetti che percepiscono aiuti comunitari.

Si tratta di un’attività di servizio che rientra tra quelle previste dalla recente direttiva sui Comparti di specialità delle forze di polizia, firmata lo scorso 15 agosto dal ministro dell’Interno, Marco Minniti.

Il provvedimento, tra l’altro, conferisce, in via esclusiva alla Guardia di finanza, i compiti di accertamento e contrasto delle frodi ai danni del bilancio dell’Unione, degli illeciti in materia doganale, alla contraffazione dei marchi industriali e alla tutela della proprietà intellettuale nelle frodi agroalimentari.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Agricoltura e pesca, contrasto alle frodi comunitarie: accordo prorogato

LeccePrima è in caricamento