Ai domiciliari, aggredisce la madre: il giudice lo spedisce in carcere

I carabinieri della stazione di Muro Leccese hanno eseguito l'aggravamento della misura a carico di Graziano Maggio, di Sanarica

SANARICA – Era già agli arresti domiciliari. Per lui, ora, si sono aperte le porte del carcere. Protagonista, Graziano Maggio, 42enne di Sanarica. Che è stato prelevato dalla sua abitazione e trasferito nel penitenziario di Borgo San Nicola, a Lecce, dai carabinieri della stazione di Muro Leccese.

A suo carico, infatti, la sezione unica penale della Corte d’appello di Lecce, ha emesso un provvedimento che aggrava la misura, a causa di comportamenti violenti tenuti proprio in casa, ai danni della madre.

Sono stati gli stessi militai di Muro a effettuare segnalazione all’autorità giudiziaria di diversi episodi di maltrattamenti ed aggressioni che si sarebbero consumati ai danni della donna, fino a spingerla, ormai esausta per la situazione, a sporgere la denuncia che ha fatto scattare il nuovo provvedimento.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Fanno sesso, poi diffonde i video e affigge immagini: revenge porn, incastrato

  • “L’eredità”, il concorrente leccese batte il record di puntate da vincitore

  • Mauro Romano, chiuse le indagini sull’ex barbiere: sequestro di persona

  • Rapine con autovetture rubate anche durante il lockdown: in tre agli arresti

  • Scampato a un agguato con Kalashnikov, accoltella un uomo per motivi di viabilità

  • La lite degenera: spunta pistola a salve, investito con violenza con l’auto

Torna su
LeccePrima è in caricamento