Cronaca

Alba di sbarchi: ad Alimini rintracciati 22 afghani

Nuovi immigrati arrivati sulla costa di Otranto e bloccati dalla polizia locale: sono approdati a bordo di un natante di circa 10 metri recuperato dalla guardia di finanza. Tutti al "don Tonino Bello"

CIMG1677

OTRANTO - Ventidue afghani ritrovati nella mattinata sul litorale di Otranto, intenti a camminare verso il centro abitato, per raggiungere al più presto la locale stazione ferroviaria. È stata un'altra notte di sbarchi, nella Città dei Martiri, quella conclusasi, estesasi fino alle prime ore dopo l'alba salentina. I clandestini, arrivati sottocosta nel cuore della notte, sono sbarcati in un'area molto vicina al Club Med, ad Alimini.

Ma la segnalazione della loro presenza è arrivata attorno alle 6.45 al commissariato otrantino della polizia di Stato, che ha fatto scattare l'operazione di recupero degli immigrati: questi ultimi proseguivano a gruppi di due o tre persone, rintracciati nella zona di Baia dei Turchi, dove sono stati recuperati.

Quasi in contemporanea, i militari della guardia di finanza procedevano a rintracciare il natante, che aveva condotto gli immigrati ad Otranto, trainandolo con propri mezzi sino al porto. Si tratta, nello specifico, di uno scafo di circa 10 metri. Gli immigrati sono tutti di sesso maschile: tra loro, ci sarebbero quattro minorenni.


Il gruppo di clandestini è stato prontamente condotto al centro "don Tonino Bello" dove ha ricevuto la visita del personale sanitario ed è stato rifocillato dai volontari. Nessuno di loro risulta trovarsi in condizioni precarie di salute. In tarda mattinata, hanno preso il via le procedure di identificazione.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Alba di sbarchi: ad Alimini rintracciati 22 afghani

LeccePrima è in caricamento